linux-kernel.vger.kernel.org archive mirror
 help / color / mirror / Atom feed
* [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation
@ 2018-11-08 23:24 Federico Vaga
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH V3 1/3] doc:it_IT: add some process/* translations Federico Vaga
                   ` (3 more replies)
  0 siblings, 4 replies; 6+ messages in thread
From: Federico Vaga @ 2018-11-08 23:24 UTC (permalink / raw)
  To: Jonathan Corbet; +Cc: Alessia Mantegazza, linux-doc, linux-kernel

In this small patch set there is the V3 of
"doc:it_IT: add some process/* translations" in which I fixed
the recent conflicts in docs-next.
I took the occasion to add other two simple patches that fix:
- a missing translation in locking.rst
- apply a patch from the official documentation to the italian one



^ permalink raw reply	[flat|nested] 6+ messages in thread

* [PATCH V3 1/3] doc:it_IT: add some process/* translations
  2018-11-08 23:24 [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Federico Vaga
@ 2018-11-08 23:24 ` Federico Vaga
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH 2/3] doc:it_IT: fix locking.rst section title Federico Vaga
                   ` (2 subsequent siblings)
  3 siblings, 0 replies; 6+ messages in thread
From: Federico Vaga @ 2018-11-08 23:24 UTC (permalink / raw)
  To: Jonathan Corbet
  Cc: Alessia Mantegazza, linux-doc, linux-kernel, Federico Vaga

This patch does not translate entirely the subfolder "process/"
but only part of it (to begin with).

In order to avoid broken links, I included empty documents
for those which are not yet translated.

In order to be able to refer to all documents in "process/",
I added a sphinx label to those which had not one.

Translated documents:
- howto
- 1.Intro
- clang-format
- coding-style
- kernel-driver-statement
- magic-number
- volatile-considered-harmful
- development-process

Signed-off-by: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
Signed-off-by: Alessia Mantegazza <amantegazza@vaga.pv.it>
---
 Documentation/process/1.Intro.rst             |    2 +
 Documentation/process/adding-syscalls.rst     |    3 +
 Documentation/process/howto.rst               |    2 +
 .../process/kernel-driver-statement.rst       |    2 +
 .../process/kernel-enforcement-statement.rst  |    4 +-
 Documentation/process/magic-number.rst        |    2 +
 .../translations/it_IT/admin-guide/README.rst |   12 +
 .../it_IT/admin-guide/security-bugs.rst       |   12 +
 Documentation/translations/it_IT/index.rst    |    1 +
 .../translations/it_IT/process/1.Intro.rst    |  297 +++++
 .../translations/it_IT/process/2.Process.rst  |   12 +
 .../it_IT/process/3.Early-stage.rst           |   12 +
 .../translations/it_IT/process/4.Coding.rst   |   12 +
 .../translations/it_IT/process/5.Posting.rst  |   12 +
 .../it_IT/process/6.Followthrough.rst         |   10 +
 .../it_IT/process/7.AdvancedTopics.rst        |   13 +
 .../it_IT/process/8.Conclusion.rst            |   12 +
 .../it_IT/process/adding-syscalls.rst         |   12 +
 .../it_IT/process/applying-patches.rst        |   13 +
 .../translations/it_IT/process/changes.rst    |   12 +
 .../it_IT/process/clang-format.rst            |  197 +++
 .../it_IT/process/code-of-conduct.rst         |   12 +
 .../it_IT/process/coding-style.rst            | 1094 +++++++++++++++++
 .../it_IT/process/development-process.rst     |   33 +
 .../it_IT/process/email-clients.rst           |   12 +
 .../translations/it_IT/process/howto.rst      |  655 ++++++++++
 .../translations/it_IT/process/index.rst      |   67 +
 .../it_IT/process/kernel-docs.rst             |   13 +
 .../it_IT/process/kernel-driver-statement.rst |  211 ++++
 .../process/kernel-enforcement-statement.rst  |   13 +
 .../it_IT/process/magic-number.rst            |  170 +++
 .../it_IT/process/maintainer-pgp-guide.rst    |   13 +
 .../it_IT/process/management-style.rst        |   12 +
 .../it_IT/process/stable-api-nonsense.rst     |   13 +
 .../it_IT/process/stable-kernel-rules.rst     |   12 +
 .../it_IT/process/submit-checklist.rst        |   12 +
 .../it_IT/process/submitting-drivers.rst      |   12 +
 .../it_IT/process/submitting-patches.rst      |   13 +
 .../process/volatile-considered-harmful.rst   |  134 ++
 39 files changed, 3154 insertions(+), 1 deletion(-)
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/admin-guide/README.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/admin-guide/security-bugs.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/1.Intro.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/2.Process.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/3.Early-stage.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/4.Coding.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/5.Posting.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/6.Followthrough.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/7.AdvancedTopics.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/8.Conclusion.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/adding-syscalls.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/clang-format.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/code-of-conduct.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/development-process.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/email-clients.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/howto.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/index.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/kernel-docs.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/kernel-driver-statement.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/kernel-enforcement-statement.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/magic-number.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/maintainer-pgp-guide.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/management-style.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/stable-kernel-rules.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst
 create mode 100644 Documentation/translations/it_IT/process/volatile-considered-harmful.rst

diff --git a/Documentation/process/1.Intro.rst b/Documentation/process/1.Intro.rst
index e782ae2eef58..c3d0270bbfb3 100644
--- a/Documentation/process/1.Intro.rst
+++ b/Documentation/process/1.Intro.rst
@@ -1,3 +1,5 @@
+.. _development_process_intro:
+
 Introduction
 ============
 
diff --git a/Documentation/process/adding-syscalls.rst b/Documentation/process/adding-syscalls.rst
index 88a7d5c8bb2f..1c3a840d06b9 100644
--- a/Documentation/process/adding-syscalls.rst
+++ b/Documentation/process/adding-syscalls.rst
@@ -1,3 +1,6 @@
+
+.. _addsyscalls:
+
 Adding a New System Call
 ========================
 
diff --git a/Documentation/process/howto.rst b/Documentation/process/howto.rst
index dcb25f94188e..a4a9f9eb0dd8 100644
--- a/Documentation/process/howto.rst
+++ b/Documentation/process/howto.rst
@@ -1,3 +1,5 @@
+.. _process_howto:
+
 HOWTO do Linux kernel development
 =================================
 
diff --git a/Documentation/process/kernel-driver-statement.rst b/Documentation/process/kernel-driver-statement.rst
index e78452c2164c..a849790a68bc 100644
--- a/Documentation/process/kernel-driver-statement.rst
+++ b/Documentation/process/kernel-driver-statement.rst
@@ -1,3 +1,5 @@
+.. _process_statement_driver:
+
 Kernel Driver Statement
 -----------------------
 
diff --git a/Documentation/process/kernel-enforcement-statement.rst b/Documentation/process/kernel-enforcement-statement.rst
index 6816c12d6956..e5a1be476047 100644
--- a/Documentation/process/kernel-enforcement-statement.rst
+++ b/Documentation/process/kernel-enforcement-statement.rst
@@ -1,4 +1,6 @@
-Linux Kernel Enforcement Statement
+.. _process_statement_kernel:
+
+Linux Kernel Enforcement Statement
 ----------------------------------
 
 As developers of the Linux kernel, we have a keen interest in how our software
diff --git a/Documentation/process/magic-number.rst b/Documentation/process/magic-number.rst
index 633be1043690..547bbf28e615 100644
--- a/Documentation/process/magic-number.rst
+++ b/Documentation/process/magic-number.rst
@@ -1,3 +1,5 @@
+.. _magicnumbers:
+
 Linux magic numbers
 ===================
 
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/admin-guide/README.rst b/Documentation/translations/it_IT/admin-guide/README.rst
new file mode 100644
index 000000000000..80f5ffc94a9e
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/admin-guide/README.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/admin-guide/README.rst <readme>`
+
+.. _it_readme:
+
+Rilascio del kernel Linux  4.x <http://kernel.org/>
+===================================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/admin-guide/security-bugs.rst b/Documentation/translations/it_IT/admin-guide/security-bugs.rst
new file mode 100644
index 000000000000..18a5822c7d9a
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/admin-guide/security-bugs.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/admin-guide/security-bugs.rst <securitybugs>`
+
+.. _it_securitybugs:
+
+Bachi di sicurezza
+==================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/index.rst b/Documentation/translations/it_IT/index.rst
index 898a7823a6f4..ea9b2916b3e4 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/index.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/index.rst
@@ -86,6 +86,7 @@ vostre modifiche molto più semplice
 .. toctree::
    :maxdepth: 2
 
+   process/index
    doc-guide/index
    kernel-hacking/index
 
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/1.Intro.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/1.Intro.rst
new file mode 100644
index 000000000000..8dfbe81627e2
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/1.Intro.rst
@@ -0,0 +1,297 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/1.Intro.rst <development_process_intro>`
+:Translator: Alessia Mantegazza <amantegazza@vaga.pv.it>
+
+.. _it_development_intro:
+
+Introduzione
+============
+
+Riepilogo generale
+------------------
+
+Il resto di questa sezione riguarda la sfera del processo di sviluppo del
+kernel e quella sorta di frustrazioni che gli sviluppatori e i loro datori
+di lavoro affrontano.  Ci sono molte ragioni per le quali del codice per il
+kernel debba essere incorporato nel kernel ufficiale, fra le quali:
+disponibilità immediata agli utilizzatori, supporto della comunità in
+differenti modalità, e la capacità di influenzare la direzione dello sviluppo
+kernel.
+Il codice che contribuisce al kernel Linux deve essere reso disponibile sotto
+una licenza GPL-compatibile.
+
+La sezione :ref:`it_development_process` introduce il processo di sviluppo,
+il ciclo di rilascio del kernel, ed i meccanismi della finestra
+d'incorporazione.  Il capitolo copre le varie fasi di una modifica: sviluppo,
+revisione e ciclo d'incorporazione. Ci sono alcuni dibattiti su strumenti e
+liste di discussione. Gli sviluppatori che sono in attesa di poter sviluppare
+qualcosa per il kernel sono invitati ad individuare e sistemare bachi come
+esercizio iniziale.
+
+La sezione :ref: `it_development_early_stage` copre i primi stadi della
+pianificazione di un progetto di sviluppo, con particolare enfasi sul
+coinvolgimento della comunità, il prima possibile.
+
+La sezione :ref:`it_development_coding` riguarda il processo di scrittura
+del codice. Qui, sono esposte le diverse insidie che sono state già affrontate
+da altri sviluppatori.  Il capitolo copre anche alcuni dei requisiti per le
+modifiche, ed esiste un'introduzione ad alcuni strumenti che possono aiutarvi
+nell'assicurarvi che le modifiche per il kernel siano corrette.
+
+La sezione :ref:`it_development_posting` parla del processo di pubblicazione
+delle modifiche per la revisione. Per essere prese in considerazione dalla
+comunità di sviluppo, le modifiche devono essere propriamente formattate ed
+esposte, e devono essere inviate nel posto giusto. Seguire i consigli presenti
+in questa sezione dovrebbe essere d'aiuto nell'assicurare la migliore
+accoglienza possibile del vostro lavoro.
+
+La sezione :ref: `it_development_followthrough` copre ciò che accade dopo
+la pubblicazione delle modifiche; a questo punto il lavoro è lontano
+dall'essere concluso.  Lavorare con i revisori è una parte cruciale del
+processo di sviluppo; questa sezione offre una serie di consigli su come
+evitare problemi in questa importante fase.  Gli sviluppatori sono diffidenti
+nell'affermare che il lavoro è concluso quando una modifica è incorporata nei
+sorgenti principali.
+
+La sezione :ref::`it_development_advancedtopics` introduce un paio di argomenti
+"avanzati": gestire modifiche con git e controllare le modifiche pubblicate da
+altri.
+
+La sezione :ref: `it_development_conclusion` chiude il documento con dei
+riferimenti ad altre fonti che forniscono ulteriori informazioni sullo sviluppo
+del kernel.
+
+Di cosa parla questo documento
+------------------------------
+
+Il kernel Linux, ha oltre 8 milioni di linee di codice e ben oltre 1000
+contributori ad ogni rilascio; è uno dei più vasti e più attivi software
+liberi progettati mai esistiti.  Sin dal sul modesto inizio nel 1991,
+questo kernel si è evoluto nel miglior componente per sistemi operativi
+che fanno funzionare piccoli riproduttori musicali, PC, grandi super computer
+e tutte le altre tipologie di sistemi fra questi estremi.  È una soluzione
+robusta, efficiente ed adattabile a praticamente qualsiasi situazione.
+
+Con la crescita di Linux è arrivato anche un aumento di sviluppatori
+(ed aziende) desiderosi di partecipare a questo sviluppo. I produttori di
+hardware vogliono assicurarsi che il loro prodotti siano supportati da Linux,
+rendendo questi prodotti attrattivi agli utenti Linux.  I produttori di
+sistemi integrati, che usano Linux come componente di un prodotto integrato,
+vogliono che Linux sia capace ed adeguato agli obiettivi ed il più possibile
+alla mano. Fornitori ed altri produttori di software che basano i propri
+prodotti su Linux hanno chiaro interesse verso capacità, prestazioni ed
+affidabilità del kernel Linux.  E gli utenti finali, anche, spesso vorrebbero
+cambiare Linux per renderlo più aderente alle proprie necessità.
+
+Una delle caratteristiche più coinvolgenti di Linux è quella dell'accessibilità
+per gli sviluppatori; chiunque con le capacità richieste può migliorare
+Linux ed influenzarne la direzione di sviluppo.  Prodotti non open-source non
+possono offrire questo tipo di apertura, che è una caratteristica del softwere
+libero.  Ma, anzi, il kernel è persino più aperto rispetto a molti altri
+progetti di software libero.  Un classico ciclo di sviluppo trimestrale può
+coinvolgere 1000 sviluppatori che lavorano per più di 100 differenti aziende
+(o per nessuna azienda).
+
+Lavorare con la comunità di sviluppo del kernel non è particolarmente
+difficile.  Ma, ciononostante, diversi potenziali contributori hanno trovato
+delle difficoltà quando hanno cercato di lavorare sul kernel.  La comunità del
+kernel utilizza un proprio modo di operare che gli permette di funzionare
+agevolmente (e genera un prodotto di alta qualità) in un ambiente dove migliaia
+di stringhe di codice sono modificate ogni giorni. Quindi non deve sorprendere
+che il processo di sviluppo del kernel differisca notevolmente dai metodi di
+sviluppo privati.
+
+Il processo di sviluppo del Kernel può, dall'altro lato, risultare
+intimidatorio e strano ai nuovi sviluppatori, ma ha dietro di se buone ragioni
+e solide esperienze.  Uno sviluppatore che non comprenda i modi della comunità
+del kernel (o, peggio, che cerchi di aggirarli o violarli) avrà un'esperienza
+deludente nel proprio bagagliaio.  La comunità di sviluppo, sebbene sia utile
+a coloro che cercano di imparare, ha poco tempo da dedicare a coloro che non
+ascoltano o coloro che non sono interessati al processo di sviluppo.
+
+Si spera che coloro che leggono questo documento saranno in grado di evitare
+queste esperienze spiacevoli.  C'è  molto materiale qui, ma lo sforzo della
+lettura sarà ripagato in breve tempo.  La comunità di sviluppo ha sempre
+bisogno di sviluppatori che vogliano aiutare a rendere il kernel migliore;
+il testo seguente potrebbe esservi d'aiuto - o essere d'aiuto ai vostri
+collaboratori- per entrare a far parte della nostra comunità.
+
+Crediti
+-------
+
+Questo documento è stato scritto da Jonathan Corbet, corbet@lwn.net.
+È stato migliorato da Johannes Berg, James Berry, Alex Chiang, Roland
+Dreier, Randy Dunlap, Jake Edge, Jiri Kosina, Matt Mackall, Arthur Marsh,
+Amanda McPherson, Andrew Morton, Andrew Price, Tsugikazu Shibata e Jochen Voß.
+
+Questo lavoro è stato supportato dalla Linux Foundation; un ringraziamento
+speciale ad Amanda McPherson, che ha visto il valore di questo lavoro e lo ha
+reso possibile.
+
+L'importanza d'avere il codice nei sorgenti principali
+------------------------------------------------------
+
+Alcune aziende e sviluppatori ogni tanto si domandano perchè dovrebbero
+preoccuparsi di apprendere come lavorare con la comunità del kernel e di
+inserire il loro codice nel ramo di sviluppo principale (per ramo principale
+s'intende quello mantenuto da Linus Torvalds e usato come base dai
+distributori Linux). Nel breve termine, contribuire al codice può sembrare
+un costo inutile; può sembra più facile tenere separato il proprio codice e
+supportare direttamente i suoi utilizzatori. La verità è che il tenere il
+codice separato ("fuori dai sorgenti", *"out-of-tree"*) è un falso risparmio.
+
+Per dimostrare i costi di un codice "fuori dai sorgenti", eccovi
+alcuni aspetti rilevanti del processo di sviluppo kernel; la maggior parte
+di essi saranno approfonditi dettagliatamente più avanti in questo documento.
+Pensate:
+
+- Il codice che è stato inserito nel ramo principale del kernel è disponibile
+  a tutti gli utilizzatori Linux. Sarà automaticamente presente in tutte le
+  distribuzioni che lo consentono. Non c'è bisogno di: driver per dischi,
+  scaricare file, o della scocciatura del dover supportare diverse versoni di
+  diverse distribuzioni; funziona già tutto, per gli sviluppatori e per gli
+  utilizzatori. L'inserimento nel ramo principale risolve un gran numero di
+  problemi di distribuzione e di supporto.
+
+- Nonostante gli sviluppatori kernel si sforzino di tenere stabile
+  l'interfaccia dello spazio utente, quella interna al kernel è in continuo
+  cambiamento. La mancanza di un'interfaccia interna è deliberatamente una
+  decisione di progettazione; ciò permette che i miglioramenti fondamentali
+  vengano fatti in un qualsiasi momento e che risultino fatti con un codice di
+  alta qualità. Ma una delle conseguenze di questa politica è che qualsiasi
+  codice "fuori dai sorgenti" richiede costante manutenzione per renderlo
+  funzionante coi kernel più recenti. Tenere un codice "fuori dai sorgenti"
+  richiede una mole di lavoro significativa solo per farlo funzionare.
+
+  Invece, il codice che si trova nel ramo principale non necessita di questo
+  tipo di lavoro poiché ad ogni sviluppatore che faccia una modifica alle
+  interfacce viene richiesto di sistemare anche il codice che utilizza che
+  utilizza quell'interfaccia. Quindi, il codice che è stato inserito nel
+  ramo principale ha dei costi di mantenimento significativamente più bassi.
+
+- Oltre a ciò, spesso il codice che è all'interno del kernel sarà migliorato da
+  altri sviluppatori. Dare pieni poteri alla vostra comunità di utenti e ai
+  clienti può portare a sorprendenti risultati che migliorano i vostri
+  prodotti.
+
+- Il codice kernel è soggetto a revisioni, sia prima che dopo l'inserimento
+  nel ramo principale.  Non importa quanto forti fossero le abilità dello
+  sviluppatore originale, il processo di revisione trovà il modo di migliore
+  il codice.  Spesso la revisione trova bachi importanti e problemi di
+  sicurezza.  Questo è particolarmente vero per il codice che è stato
+  sviluppato in un ambiete chiuso; tale codice ottiene un forte beneficio
+  dalle revisioni provenienti da sviluppatori esteri. Il codice
+  "fuori dai sorgenti", invece, è un codice di bassa qualità.
+
+- La partecipazione al processo di sviluppo costituisce la vostra via per
+  influenzare la direzione di sviluppo del kernel. Gli utilizzatori che
+  "reclamano da bordo campo" sono ascoltati, ma gli sviluppatori attivi
+  hanno una voce più forte - e la capacità di implementare modifiche che
+  renderanno il kernel più funzionale alle loro necessità.
+
+- Quando il codice è gestito separatamente, esiste sempre la possibilità che
+  terze parti contribuiscano con una differente implementazione che fornisce
+  le stesse funzionalità.  Se dovesse accadere, l'inserimento del codice
+  diventerà molto più difficile - fino all'impossibilità.  Poi, dovrete far
+  fronte a delle alternative poco piacevoli, come: (1) mantenere un elemento
+  non standard "fuori dai sorgenti" per un tempo indefinito, o (2) abbandonare
+  il codice e far migrare i vostri utenti alla versione "nei sorgenti".
+
+- Contribuire al codice è l'azione fondamentale che fa funzione tutto il
+  processo. Contribuendo attraverso il vostro codice potete aggiungere nuove
+  funzioni al kernel e fornire competenze ed esempi che saranno utili ad
+  altri sviluppatori.  Se avete sviluppato del codice Linux (o state pensando
+  di farlo), avete chiaramente interesse nel far proseguire il successo di
+  questa piattaforma. Contribuire al codice è une delle migliori vie per
+  aiutarne il successo.
+
+Il ragionamento sopra citato si applica ad ogni codice "fuori dai sorgenti"
+dal kernel, incluso il codice proprietario distribuito solamente in formato
+binario.  Ci sono, comunque, dei fattori aggiuntivi che dovrebbero essere
+tenuti in conto prima di prendere in considerazione qualsiasi tipo di
+distribuzione binaria di codice kernel. Questo include che:
+
+- Le questioni legali legate alla distribuzione di moduli kernel proprietari
+  sono molto nebbiose; parecchi detentori di copyright sul kernel credono che
+  molti moduli binari siano prodotti derivati del kernel e che, come risultato,
+  la loro diffusione sia una violazione della licenza generale di GNU (della
+  quale si parlerà più avanti).  Il vostro ideatore non è un avvocato, e
+  niente in questo documento può essere considerato come un consiglio legale.
+  Il vero stato legale dei moduli proprietari può essere determinato
+  esclusivamente da un giudice. Ma l'incertezza che perseguita quei moduli
+  è lì comunque.
+
+- I moduli binari aumentano di molto la difficoltà di fare debugging del
+  kernel, al punto che la maggior parte degli sviluppatori del kernel non
+  vorranno nemmeno tentare.  Quindi la diffusione di moduli esclusivamente
+  binari renderà difficile ai vostri utilizzatori trovare un supporto dalla
+  comunità.
+
+- Il supporto è anche difficile per i distributori di moduli binari che devono
+  fornire una versione del modulo per ogni distribuzione e per ogni versione
+  del kernel che vogliono supportate.  Per fornire una copertura ragionevole e
+  comprensiva, può essere richiesto di produrre dozzine di singoli moduli.
+  E inoltre i vostri utilizzatori dovranno aggiornare il vostro modulo
+  separatamente ogni volta che aggiornano il loro kernel.
+
+- Tutto ciò che è stato detto prima riguardo alla revisione del codice si
+  applica doppiamente al codice proprietario.  Dato che questo codice non é
+  del tutto disponibile, non può essere revisionato dalla comunità e avrà,
+  senza dubbio, seri problemi.
+
+I produttori di sistemi integrati, in particolare, potrebbero esser tentati
+dall'evitare molto di ciò che è stato detto in questa sezione, credendo che
+stiano distribuendo un prodotto finito che utilizza una versione del kernel
+immutabile e che non richiede un ulteriore sviluppo dopo il rilascio.  Questa
+idea non comprende il valore di una vasta revisione del codice e il valore
+del permettere ai propri utenti di aggiungere funzionalità al vostro prodotto.
+Ma anche questi prodotti, hanno una vita commerciale limitata, dopo la quale
+deve essere rilasciata una nuova versione.  A quel punto, i produttori il cui
+codice è nel ramo principale di sviluppo avranno un codice ben mantenuto e
+saranno in una posizione migliore per ottenere velocemente un nuovo prodotto
+pronto per essere distribuito.
+
+
+Licenza
+-------
+
+IL codice Linux utilizza diverse licenze, ma il codice completo deve essere
+compatibile con la seconda versione della licenza GNU General Public License
+(GPLv2), che è la licenza che copre la distribuzione del kernel.
+Nella pratica, ciò significa che tutti i contributi al codice sono coperti
+anche'essi dalla GPLv2 (con, opzionalmente, una dicitura che permette la
+possibilità di distribuirlo con licenze più recenti di GPL) o dalla licenza
+three-clause BSD.  Qualsiasi contributo che non è coperto da una licenza
+compatibile non verrà accettata nel kernel.
+
+Per il codice sottomesso al kernel non è necessario (o richiesto) la
+concessione del Copyright.  Tutto il codice inserito nel ramo principale del
+kernel conserva la sua proprietà originale; ne risulta che ora il kernel abbia
+migliaia di proprietari.
+
+Una conseguenza di questa organizzazione della proprietà è che qualsiasi
+tentativo di modifica della licenza del kernel è destinata ad quasi sicuro
+fallimento.  Esistono alcuni scenari pratici nei quali il consenso di tutti
+i detentori di copyright può essere ottenuto (o il loro codice verrà rimosso
+dal kernel).  Quindi, in sostanza, non esiste la possibilità che si giunga ad
+una versione 3 della licenza GPL nel prossimo futuro.
+
+È imperativo che tutto il codice che contribuisce al kernel sia legittimamente
+software libero.  Per questa ragione, un codice proveniente da un contributore
+anonimo (o sotto pseudonimo) non verrà accettato.  È richiesto a tutti i
+contributori di firmare il proprio codice, attestando così che quest'ultimo
+può essere distribuito insieme al kernel sotto la licenza GPL.  Il codice che
+non è stato licenziato come software libero dal proprio creatore, o che
+potrebbe creare problemi di copyright per il kernel (come il codice derivante
+da processi di ingegneria inversa senza le opportune tutele), non può essere
+diffuso.
+
+Domande relative a questioni legate al copyright sono frequenti nelle liste
+di discussione dedicate allo sviluppo di Linux.  Tali quesiti, normalmente,
+non riceveranno alcuna risposta, ma una cosa deve essere tenuta presente:
+le persone che risponderanno a quelle domande non sono avvocati e non possono
+fornire supporti legali.  Se avete questioni legali relative ai sorgenti
+del codice Linux, non esiste alternativa che quella di parlare con un
+avvocato esperto nel settore.  Fare affidamento sulle risposte ottenute da
+una lista di discussione tecnica è rischioso.
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/2.Process.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/2.Process.rst
new file mode 100644
index 000000000000..5d56149ececc
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/2.Process.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/2.Process.rst <development_process>`
+
+.. _it_development_process:
+
+Come funziona il processo di sviluppo
+=====================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/3.Early-stage.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/3.Early-stage.rst
new file mode 100644
index 000000000000..0b02f16fc712
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/3.Early-stage.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/3.Early-stage.rst <development_early_stage>`
+
+.. _it_development_early_stage:
+
+Primi passi della pianificazione
+================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/4.Coding.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/4.Coding.rst
new file mode 100644
index 000000000000..98832f9124ed
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/4.Coding.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/4.Coding.rst <development_coding>`
+
+.. _it_development_coding:
+
+Scrivere codice corretto
+========================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/5.Posting.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/5.Posting.rst
new file mode 100644
index 000000000000..d91b368704c4
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/5.Posting.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/4.Posting.rst <development_posting>`
+
+.. _it_development_posting:
+
+Pubblicare modifiche
+====================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/6.Followthrough.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/6.Followthrough.rst
new file mode 100644
index 000000000000..160473bd9e39
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/6.Followthrough.rst
@@ -0,0 +1,10 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/6.Followthrough.rst <development_followthrough>`
+
+Completamento
+=============
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/7.AdvancedTopics.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/7.AdvancedTopics.rst
new file mode 100644
index 000000000000..644ee2b7c476
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/7.AdvancedTopics.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/7.AdvancedTopics.rst <development_advancedtopics>`
+
+
+.. _it_development_advancedtopics:
+
+Argomenti avanzati
+==================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/8.Conclusion.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/8.Conclusion.rst
new file mode 100644
index 000000000000..e27885b86fa9
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/8.Conclusion.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/8.Conclusion.rst <development_conclusion>`
+
+.. _it_development_conclusion:
+
+Per maggiori informazioni
+=========================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/adding-syscalls.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/adding-syscalls.rst
new file mode 100644
index 000000000000..9d02bbdf9a2c
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/adding-syscalls.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/adding-syscalls.rst <addsyscalls>`
+
+.. _it_addsyscalls:
+
+Aggiungere una nuova chiamata di sistema
+========================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst
new file mode 100644
index 000000000000..f5e9c7d0b16d
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/applying-patches.rst <applying_patches>`
+
+
+.. _it_applying_patches:
+
+Applicare modifiche al kernel Linux
+===================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst
new file mode 100644
index 000000000000..956cf95a1214
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/changes.rst <changes>`
+
+.. _it_changes:
+
+Requisiti minimi per compilare il kernel
+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/clang-format.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/clang-format.rst
new file mode 100644
index 000000000000..77eac809a639
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/clang-format.rst
@@ -0,0 +1,197 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/clang-format.rst <clangformat>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
+
+.. _it_clangformat:
+
+clang-format
+============
+``clang-format`` è uno strumento per formattare codice C/C++/... secondo
+un gruppo di regole ed euristiche. Come tutti gli strumenti, non è perfetto
+e non copre tutti i singoli casi, ma è abbastanza buono per essere utile.
+
+``clang-format`` può essere usato per diversi fini:
+
+  - Per riformattare rapidamente un blocco di codice secondo lo stile del
+    kernel. Particolarmente utile quando si sposta del codice e lo si
+    allinea/ordina. Vedere it_clangformatreformat_.
+
+  - Identificare errori di stile, refusi e possibili miglioramenti nei
+    file che mantieni, le modifiche che revisioni, le differenze,
+    eccetera. Vedere it_clangformatreview_.
+
+  - Ti aiuta a seguire lo stile del codice, particolarmente utile per i
+    nuovi arrivati o per coloro che lavorano allo stesso tempo su diversi
+    progetti con stili di codifica differenti.
+
+Il suo file di configurazione è ``.clang-format`` e si trova nella cartella
+principale dei sorgenti del kernel. Le regole scritte in quel file tentano
+di approssimare le lo stile di codifica del kernel. Si tenta anche di seguire
+il più possibile
+:ref:`Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst <it_codingstyle>`.
+Dato che non tutto il kernel segue lo stesso stile, potreste voler aggiustare
+le regole di base per un particolare sottosistema o cartella. Per farlo,
+potete sovrascriverle scrivendole in un altro file ``.clang-format`` in
+una sottocartella.
+
+Questo strumento è già stato incluso da molto tempo nelle distribuzioni
+Linux più popolari. Cercate ``clang-format`` nel vostro repositorio.
+Altrimenti, potete scaricare una versione pre-generata dei binari di LLVM/clang
+oppure generarlo dai codici sorgenti:
+
+    http://releases.llvm.org/download.html
+
+Troverete più informazioni ai seguenti indirizzi:
+
+    https://clang.llvm.org/docs/ClangFormat.html
+
+    https://clang.llvm.org/docs/ClangFormatStyleOptions.html
+
+
+.. _it_clangformatreview:
+
+Revisionare lo stile di codifica per file e modifiche
+-----------------------------------------------------
+
+Eseguendo questo programma, potrete revisionare un intero sottosistema,
+cartella o singoli file alla ricerca di errori di stile, refusi o
+miglioramenti.
+
+Per farlo, potete eseguire qualcosa del genere::
+
+    # Make sure your working directory is clean!
+    clang-format -i kernel/*.[ch]
+
+E poi date un'occhiata a *git diff*.
+
+Osservare le righe di questo diff è utile a migliorare/aggiustare
+le opzioni di stile nel file di configurazione; così come per verificare
+le nuove funzionalità/versioni di ``clang-format``.
+
+``clang-format`` è in grado di leggere diversi diff unificati, quindi
+potrete revisionare facilmente delle modifiche e *git diff*.
+La documentazione si trova al seguente indirizzo:
+
+    https://clang.llvm.org/docs/ClangFormat.html#script-for-patch-reformatting
+
+Per evitare che ``clang-format`` formatti alcune parti di un file, potete
+scrivere nel codice::
+
+    int formatted_code;
+    // clang-format off
+        void    unformatted_code  ;
+    // clang-format on
+    void formatted_code_again;
+
+Nonostante si attraente l'idea di utilizzarlo per mantenere un file
+sempre in sintonia con ``clang-format``, specialmente per file nuovi o
+se siete un manutentore, ricordatevi che altre persone potrebbero usare
+una versione diversa di ``clang-format`` oppure non utilizzarlo del tutto.
+Quindi, dovreste trattenervi dall'usare questi marcatori nel codice del
+kernel; almeno finché non vediamo che ``clang-format`` è diventato largamente
+utilizzato.
+
+
+.. _it_clangformatreformat:
+
+Riformattare blocchi di codice
+------------------------------
+
+Utilizzando dei plugin per il vostro editor, potete riformattare una
+blocco (selezione) di codice con una singola combinazione di tasti.
+Questo è particolarmente utile: quando si riorganizza il codice, per codice
+complesso, macro multi-riga (e allineare le loro "barre"), eccetera.
+
+Ricordatevi che potete sempre aggiustare le modifiche in quei casi dove
+questo strumento non ha fatto un buon lavoro. Ma come prima approssimazione,
+può essere davvero molto utile.
+
+Questo programma si integra con molti dei più popolari editor. Alcuni di
+essi come vim, emacs, BBEdit, Visaul Studio, lo supportano direttamente.
+Al seguente indirizzo troverete le istruzioni:
+
+    https://clang.llvm.org/docs/ClangFormat.html
+
+Per Atom, Eclipse, Sublime Text, Visual Studio Code, XCode e altri editor
+e IDEs dovreste essere in grado di trovare dei plugin pronti all'uso.
+
+Per questo caso d'uso, considerate l'uso di un secondo ``.clang-format``
+che potete personalizzare con le vostre opzioni.
+Consultare it_clangformatextra_.
+
+
+.. _it_clangformatmissing:
+
+Cose non supportate
+-------------------
+
+``clang-format`` non ha il supporto per alcune cose che sono comuni nel
+codice del kernel. Sono facili da ricordare; quindi, se lo usate
+regolarmente, imparerete rapidamente a evitare/ignorare certi problemi.
+
+In particolare, quelli più comuni che noterete sono:
+
+  - Allineamento di ``#define`` su una singola riga, per esempio::
+
+        #define TRACING_MAP_BITS_DEFAULT       11
+        #define TRACING_MAP_BITS_MAX           17
+        #define TRACING_MAP_BITS_MIN           7
+
+    contro::
+
+        #define TRACING_MAP_BITS_DEFAULT 11
+        #define TRACING_MAP_BITS_MAX 17
+        #define TRACING_MAP_BITS_MIN 7
+
+  - Allineamento dei valori iniziali, per esempio::
+
+        static const struct file_operations uprobe_events_ops = {
+                .owner          = THIS_MODULE,
+                .open           = probes_open,
+                .read           = seq_read,
+                .llseek         = seq_lseek,
+                .release        = seq_release,
+                .write          = probes_write,
+        };
+
+    contro::
+
+        static const struct file_operations uprobe_events_ops = {
+                .owner = THIS_MODULE,
+                .open = probes_open,
+                .read = seq_read,
+                .llseek = seq_lseek,
+                .release = seq_release,
+                .write = probes_write,
+        };
+
+
+.. _it_clangformatextra:
+
+Funzionalità e opzioni aggiuntive
+---------------------------------
+
+Al fine di minimizzare le differenze fra il codice attuale e l'output
+del programma, alcune opzioni di stile e funzionalità non sono abilitate
+nella configurazione base. In altre parole, lo scopo è di rendere le
+differenze le più piccole possibili, permettendo la semplificazione
+della revisione di file, differenze e modifiche.
+
+In altri casi (per esempio un particolare sottosistema/cartella/file), lo
+stile del kernel potrebbe essere diverso e abilitare alcune di queste
+opzioni potrebbe dare risultati migliori.
+
+Per esempio:
+
+  - Allineare assegnamenti (``AlignConsecutiveAssignments``).
+
+  - Allineare dichiarazioni (``AlignConsecutiveDeclarations``).
+
+  - Riorganizzare il testo nei commenti (``ReflowComments``).
+
+  - Ordinare gli ``#include`` (``SortIncludes``).
+
+Piuttosto che per interi file, solitamente sono utili per la riformattazione
+di singoli blocchi. In alternativa, potete creare un altro file
+``.clang-format`` da utilizzare con il vostro editor/IDE.
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/code-of-conduct.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/code-of-conduct.rst
new file mode 100644
index 000000000000..7dbd7f55f37c
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/code-of-conduct.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/code-of-conduct.rst <code_of_conduct>`
+
+.. _it_code_of_conduct:
+
+Accordo dei contributori sul codice di condotta
++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst
new file mode 100644
index 000000000000..b707bdbe178c
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst
@@ -0,0 +1,1094 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/coding-style.rst <codingstyle>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
+
+.. _it_codingstyle:
+
+Stile del codice per il kernel Linux
+====================================
+
+Questo è un breve documento che descrive lo stile di codice preferito per
+il kernel Linux.  Lo stile di codifica è molto personale e non voglio
+**forzare** nessuno ad accettare il mio, ma questo stile è quello che
+dev'essere usato per qualsiasi cosa che io sia in grado di mantenere, e l'ho
+preferito anche per molte altre cose.  Per favore, almeno tenete in
+considerazione le osservazioni espresse qui.
+
+La prima cosa che suggerisco è quella di stamparsi una copia degli standard
+di codifica GNU e di NON leggerla.  Bruciatela, è un grande gesto simbolico.
+
+Comunque, ecco i punti:
+
+1) Indentazione
+---------------
+
+La tabulazione (tab) è di 8 caratteri e così anche le indentazioni. Ci sono
+alcuni movimenti di eretici che vorrebbero l'indentazione a 4 (o perfino 2!)
+caratteri di profondità, che è simile al tentativo di definire il valore del
+pi-greco a 3.
+
+Motivazione: l'idea dell'indentazione è di definire chiaramente dove un blocco
+di controllo inizia e finisce.  Specialmente quando siete rimasti a guardare lo
+schermo per 20 ore a file, troverete molto più facile capire i livelli di
+indentazione se questi sono larghi.
+
+Ora, alcuni rivendicano che un'indentazione da 8 caratteri sposta il codice
+troppo a destra e che quindi rende difficile la lettura su schermi a 80
+caratteri.  La risposta a questa affermazione è che se vi servono più di 3
+livelli di indentazione, siete comunque fregati e dovreste correggere il vostro
+programma.
+
+In breve, l'indentazione ad 8 caratteri rende più facile la lettura, e in
+aggiunta vi avvisa quando state annidando troppo le vostre funzioni.
+Tenete ben a mente questo avviso.
+
+Al fine di facilitare l'indentazione del costrutto switch, si preferisce
+allineare sulla stessa colonna la parola chiave ``switch`` e i suoi
+subordinati ``case``. In questo modo si evita una doppia indentazione per
+i ``case``.  Un esempio.:
+
+.. code-block:: c
+
+	switch (suffix) {
+	case 'G':
+	case 'g':
+		mem <<= 30;
+		break;
+	case 'M':
+	case 'm':
+		mem <<= 20;
+		break;
+	case 'K':
+	case 'k':
+		mem <<= 10;
+		/* fall through */
+	default:
+		break;
+	}
+
+A meno che non vogliate nascondere qualcosa, non mettete più istruzioni sulla
+stessa riga:
+
+.. code-block:: c
+
+	if (condition) do_this;
+	  do_something_everytime;
+
+né mettete più assegnamenti sulla stessa riga.  Lo stile del kernel
+è ultrasemplice.  Evitate espressioni intricate.
+
+Al di fuori dei commenti, della documentazione ed escludendo i Kconfig, gli
+spazi non vengono mai usati per l'indentazione, e l'esempio qui sopra è
+volutamente errato.
+
+Procuratevi un buon editor di testo e non lasciate spazi bianchi alla fine
+delle righe.
+
+
+2) Spezzare righe lunghe e stringhe
+-----------------------------------
+
+Lo stile del codice riguarda la leggibilità e la manutenibilità utilizzando
+strumenti comuni.
+
+Il limite delle righe è di 80 colonne e questo e un limite fortemente
+desiderato.
+
+Espressioni più lunghe di 80 colonne saranno spezzettate in pezzi più piccoli,
+a meno che eccedere le 80 colonne non aiuti ad aumentare la leggibilità senza
+nascondere informazioni.  I pezzi derivati sono sostanzialmente più corti degli
+originali e vengono posizionati più a destra.  Lo stesso si applica, nei file
+d'intestazione, alle funzioni con una lista di argomenti molto lunga. Tuttavia,
+non spezzettate mai le stringhe visibili agli utenti come i messaggi di
+printk, questo perché inibireste la possibilità d'utilizzare grep per cercarle.
+
+3) Posizionamento di parentesi graffe e spazi
+---------------------------------------------
+
+Un altro problema che s'affronta sempre quando si parla di stile in C è
+il posizionamento delle parentesi graffe.  Al contrario della dimensione
+dell'indentazione, non ci sono motivi tecnici sulla base dei quali scegliere
+una strategia di posizionamento o un'altra; ma il modo qui preferito,
+come mostratoci dai profeti Kernighan e Ritchie, è quello di
+posizionare la parentesi graffa di apertura per ultima sulla riga, e quella
+di chiusura per prima su una nuova riga, così:
+
+.. code-block:: c
+
+	if (x is true) {
+		we do y
+	}
+
+Questo è valido per tutte le espressioni che non siano funzioni (if, switch,
+for, while, do).  Per esempio:
+
+.. code-block:: c
+
+	switch (action) {
+	case KOBJ_ADD:
+		return "add";
+	case KOBJ_REMOVE:
+		return "remove";
+	case KOBJ_CHANGE:
+		return "change";
+	default:
+		return NULL;
+	}
+
+Tuttavia, c'è il caso speciale, le funzioni: queste hanno la parentesi graffa
+di apertura all'inizio della riga successiva, quindi:
+
+.. code-block:: c
+
+	int function(int x)
+	{
+		body of function
+	}
+
+Eretici da tutto il mondo affermano che questa incoerenza è ...
+insomma ... incoerente, ma tutte le persone ragionevoli sanno che (a)
+K&R hanno **ragione** e (b) K&R hanno ragione.  A parte questo, le funzioni
+sono comunque speciali (non potete annidarle in C).
+
+Notate che la graffa di chiusura è da sola su una riga propria, ad
+**eccezione** di quei casi dove è seguita dalla continuazione della stessa
+espressione, in pratica ``while`` nell'espressione do-while, oppure ``else``
+nell'espressione if-else, come questo:
+
+.. code-block:: c
+
+	do {
+		body of do-loop
+	} while (condition);
+
+e
+
+.. code-block:: c
+
+	if (x == y) {
+		..
+	} else if (x > y) {
+		...
+	} else {
+		....
+	}
+
+Motivazione: K&R.
+
+Inoltre, notate che questo posizionamento delle graffe minimizza il numero
+di righe vuote senza perdere di leggibilità.  In questo modo, dato che le
+righe sul vostro schermo non sono una risorsa illimitata (pensate ad uno
+terminale con 25 righe), avrete delle righe vuote da riempire con dei
+commenti.
+
+Non usate inutilmente le graffe dove una singola espressione è sufficiente.
+
+.. code-block:: c
+
+	if (condition)
+		action();
+
+e
+
+.. code-block:: none
+
+	if (condition)
+		do_this();
+	else
+		do_that();
+
+Questo non vale nel caso in cui solo un ramo dell'espressione if-else
+contiene una sola espressione; in quest'ultimo caso usate le graffe per
+entrambe i rami:
+
+.. code-block:: c
+
+	if (condition) {
+		do_this();
+		do_that();
+	} else {
+		otherwise();
+	}
+
+Inoltre, usate le graffe se un ciclo contiene più di una semplice istruzione:
+
+.. code-block:: c
+
+	while (condition) {
+		if (test)
+			do_something();
+	}
+
+3.1) Spazi
+**********
+
+Lo stile del kernel Linux per quanto riguarda gli spazi, dipende
+(principalmente) dalle funzioni e dalle parole chiave.  Usate una spazio dopo
+(quasi tutte) le parole chiave.  L'eccezioni più evidenti sono sizeof, typeof,
+alignof, e __attribute__, il cui aspetto è molto simile a quello delle
+funzioni (e in Linux, solitamente, sono usate con le parentesi, anche se il
+linguaggio non lo richiede; come ``sizeof info`` dopo aver dichiarato
+``struct fileinfo info``).
+
+Quindi utilizzate uno spazio dopo le seguenti parole chiave::
+
+	if, switch, case, for, do, while
+
+ma non con sizeof, typeof, alignof, o __attribute__.  Ad esempio,
+
+.. code-block:: c
+
+
+	s = sizeof(struct file);
+
+Non aggiungete spazi attorno (dentro) ad un'espressione fra parentesi. Questo
+esempio è **brutto**:
+
+.. code-block:: c
+
+
+	s = sizeof( struct file );
+
+Quando dichiarate un puntatore ad una variabile o una funzione che ritorna un
+puntatore, il posto suggerito per l'asterisco ``*`` è adiacente al nome della
+variabile o della funzione, e non adiacente al nome del tipo. Esempi:
+
+.. code-block:: c
+
+
+	char *linux_banner;
+	unsigned long long memparse(char *ptr, char **retptr);
+	char *match_strdup(substring_t *s);
+
+Usate uno spazio attorno (da ogni parte) alla maggior parte degli operatori
+binari o ternari, come i seguenti::
+
+	=  +  -  <  >  *  /  %  |  &  ^  <=  >=  ==  !=  ?  :
+
+ma non mettete spazi dopo gli operatori unari::
+
+	&  *  +  -  ~  !  sizeof  typeof  alignof  __attribute__  defined
+
+nessuno spazio dopo l'operatore unario suffisso di incremento o decremento::
+
+	++  --
+
+nessuno spazio dopo l'operatore unario prefisso di incremento o decremento::
+
+	++  --
+
+e nessuno spazio attorno agli operatori dei membri di una struttura ``.`` e
+``->``.
+
+Non lasciate spazi bianchi alla fine delle righe.  Alcuni editor con
+l'indentazione ``furba`` inseriranno gli spazi bianchi all'inizio di una nuova
+riga in modo appropriato, quindi potrete scrivere la riga di codice successiva
+immediatamente.  Tuttavia, alcuni di questi stessi editor non rimuovono
+questi spazi bianchi quando non scrivete nulla sulla nuova riga, ad esempio
+perché volete lasciare una riga vuota.  Il risultato è che finirete per avere
+delle righe che contengono spazi bianchi in coda.
+
+Git vi avviserà delle modifiche che aggiungono questi spazi vuoti di fine riga,
+e può opzionalmente rimuoverli per conto vostro; tuttavia, se state applicando
+una serie di modifiche, questo potrebbe far fallire delle modifiche successive
+perché il contesto delle righe verrà cambiato.
+
+4) Assegnare nomi
+-----------------
+
+C è un linguaggio spartano, e così dovrebbero esserlo i vostri nomi.  Al
+contrario dei programmatori Modula-2 o Pascal, i programmatori C non usano
+nomi graziosi come ThisVariableIsATemporaryCounter.  Un programmatore C
+chiamerebbe questa variabile ``tmp``, che è molto più facile da scrivere e
+non è una delle più difficili da capire.
+
+TUTTAVIA, nonostante i nomi con notazione mista siano da condannare, i nomi
+descrittivi per variabili globali sono un dovere.  Chiamare una funzione
+globale ``pippo`` è un insulto.
+
+Le variabili GLOBALI (da usare solo se vi servono **davvero**) devono avere
+dei nomi descrittivi, così come le funzioni globali.  Se avete una funzione
+che conta gli utenti attivi, dovreste chiamarla ``count_active_users()`` o
+qualcosa di simile, **non** dovreste chiamarla ``cntusr()``.
+
+Codificare il tipo di funzione nel suo nome (quella cosa chiamata notazione
+ungherese) fa male al cervello - il compilatore conosce comunque il tipo e
+può verificarli, e inoltre confonde i programmatori.  Non c'è da
+sorprendersi che MicroSoft faccia programmi bacati.
+
+Le variabili LOCALI dovrebbero avere nomi corti, e significativi.  Se avete
+un qualsiasi contatore di ciclo, probabilmente sarà chiamato ``i``.
+Chiamarlo ``loop_counter`` non è produttivo, non ci sono possibilità che
+``i`` possa non essere capito.  Analogamente, ``tmp`` può essere una qualsiasi
+variabile che viene usata per salvare temporaneamente un valore.
+
+Se avete paura di fare casino coi nomi delle vostre variabili locali, allora
+avete un altro problema che è chiamato sindrome dello squilibrio dell'ormone
+della crescita delle funzioni. Vedere il capitolo 6 (funzioni).
+
+5) Definizione di tipi (typedef)
+--------------------------------
+
+Per favore non usate cose come ``vps_t``.
+Usare il typedef per strutture e puntatori è uno **sbaglio**. Quando vedete:
+
+.. code-block:: c
+
+	vps_t a;
+
+nei sorgenti, cosa significa?
+Se, invece, dicesse:
+
+.. code-block:: c
+
+	struct virtual_container *a;
+
+potreste dire cos'è effettivamente ``a``.
+
+Molte persone pensano che la definizione dei tipi ``migliori la leggibilità``.
+Non molto. Sono utili per:
+
+ (a) gli oggetti completamente opachi (dove typedef viene proprio usato allo
+     scopo di **nascondere** cosa sia davvero l'oggetto).
+
+     Esempio: ``pte_t`` eccetera sono oggetti opachi che potete usare solamente
+     con le loro funzioni accessorie.
+
+     .. note::
+       Gli oggetti opachi e le ``funzioni accessorie`` non sono, di per se,
+       una bella cosa. Il motivo per cui abbiamo cose come pte_t eccetera è
+       che davvero non c'è alcuna informazione portabile.
+
+ (b) i tipi chiaramente interi, dove l'astrazione **aiuta** ad evitare
+     confusione sul fatto che siano ``int`` oppure ``long``.
+
+     u8/u16/u32 sono typedef perfettamente accettabili, anche se ricadono
+     nella categoria (d) piuttosto che in questa.
+
+     .. note::
+
+       Ancora - dev'esserci una **ragione** per farlo. Se qualcosa è
+       ``unsigned long``, non c'è alcun bisogno di avere:
+
+        typedef unsigned long myfalgs_t;
+
+      ma se ci sono chiare circostanze in cui potrebbe essere ``unsigned int``
+      e in altre configurazioni ``unsigned long``, allora certamente typedef
+      è una buona scelta.
+
+ (c) quando di rado create letteralmente dei **nuovi** tipi su cui effettuare
+     verifiche.
+
+ (d) circostanze eccezionali, in cui si definiscono nuovi tipi identici a
+     quelli definiti dallo standard C99.
+
+     Nonostante ci voglia poco tempo per abituare occhi e cervello all'uso dei
+     tipi standard come ``uint32_t``, alcune persone ne obiettano l'uso.
+
+     Perciò, i tipi specifici di Linux ``u8/u16/u32/u64`` e i loro equivalenti
+     con segno, identici ai tipi standard, sono permessi- tuttavia, non sono
+     obbligatori per il nuovo codice.
+
+ (e) i tipi sicuri nella spazio utente.
+
+     In alcune strutture dati visibili dallo spazio utente non possiamo
+     richiedere l'uso dei tipi C99 e nemmeno i vari ``u32`` descritti prima.
+     Perciò, utilizziamo __u32 e tipi simili in tutte le strutture dati
+     condivise con lo spazio utente.
+
+Magari ci sono altri casi validi, ma la regola di base dovrebbe essere di
+non usare MAI MAI un typedef a meno che non rientri in una delle regole
+descritte qui.
+
+In generale, un puntatore, o una struttura a cui si ha accesso diretto in
+modo ragionevole, non dovrebbero **mai** essere definite con un typedef.
+
+6) Funzioni
+-----------
+
+Le funzioni dovrebbero essere brevi e carine, e fare una cosa sola.  Dovrebbero
+occupare uno o due schermi di testo (come tutti sappiamo, la dimensione
+di uno schermo secondo ISO/ANSI è di 80x24), e fare una cosa sola e bene.
+
+La massima lunghezza di una funziona è inversamente proporzionale alla sua
+complessità e al livello di indentazione di quella funzione.  Quindi, se avete
+una funzione che è concettualmente semplice ma che è implementata come un
+lunga (ma semplice) sequenza di caso-istruzione, dove avete molte piccole cose
+per molti casi differenti, allora va bene avere funzioni più lunghe.
+
+Comunque, se avete una funzione complessa e sospettate che uno studente
+non particolarmente dotato del primo anno delle scuole superiori potrebbe
+non capire cosa faccia la funzione, allora dovreste attenervi strettamente ai
+limiti.  Usate funzioni di supporto con nomi descrittivi (potete chiedere al
+compilatore di renderle inline se credete che sia necessario per le
+prestazioni, e probabilmente farà un lavoro migliore di quanto avreste potuto
+fare voi).
+
+Un'altra misura delle funzioni sono il numero di variabili locali.  Non
+dovrebbero eccedere le 5-10, oppure state sbagliando qualcosa.  Ripensate la
+funzione, e dividetela in pezzettini.  Generalmente, un cervello umano può
+seguire facilmente circa 7 cose diverse, di più lo confonderebbe.  Lo sai
+d'essere brillante, ma magari vorresti riuscire a capire cos'avevi fatto due
+settimane prima.
+
+Nei file sorgenti, separate le funzioni con una riga vuota.  Se la funzione è
+esportata, la macro **EXPORT** per questa funzione deve seguire immediatamente
+la riga della parentesi graffa di chiusura. Ad esempio:
+
+.. code-block:: c
+
+	int system_is_up(void)
+	{
+		return system_state == SYSTEM_RUNNING;
+	}
+	EXPORT_SYMBOL(system_is_up);
+
+Nei prototipi di funzione, includete i nomi dei parametri e i loro tipi.
+Nonostante questo non sia richiesto dal linguaggio C, in Linux viene preferito
+perché è un modo semplice per aggiungere informazioni importanti per il
+lettore.
+
+7) Centralizzare il ritorno delle funzioni
+------------------------------------------
+
+Sebbene sia deprecata da molte persone, l'istruzione goto è impiegata di
+frequente dai compilatori sotto forma di salto incondizionato.
+
+L'istruzione goto diventa utile quando una funzione ha punti d'uscita multipli
+e vanno eseguite alcune procedure di pulizia in comune.  Se non è necessario
+pulire alcunché, allora ritornate direttamente.
+
+Assegnate un nome all'etichetta di modo che suggerisca cosa fa la goto o
+perché esiste.  Un esempio di un buon nome potrebbe essere ``out_free_buffer:``
+se la goto libera (free) un ``buffer``.  Evitate l'uso di nomi GW-BASIC come
+``err1:`` ed ``err2:``, potreste doverli riordinare se aggiungete o rimuovete
+punti d'uscita, e inoltre rende difficile verificarne la correttezza.
+
+I motivo per usare le goto sono:
+
+- i salti incondizionati sono più facili da capire e seguire
+- l'annidamento si riduce
+- si evita di dimenticare, per errore, di aggiornare un singolo punto d'uscita
+- aiuta il compilatore ad ottimizzare il codice ridondante ;)
+
+.. code-block:: c
+
+	int fun(int a)
+	{
+		int result = 0;
+		char *buffer;
+
+		buffer = kmalloc(SIZE, GFP_KERNEL);
+		if (!buffer)
+			return -ENOMEM;
+
+		if (condition1) {
+			while (loop1) {
+				...
+			}
+			result = 1;
+			goto out_free_buffer;
+		}
+		...
+	out_free_buffer:
+		kfree(buffer);
+		return result;
+	}
+
+Un baco abbastanza comune di cui bisogna prendere nota è il ``one err bugs``
+che assomiglia a questo:
+
+.. code-block:: c
+
+	err:
+		kfree(foo->bar);
+		kfree(foo);
+		return ret;
+
+Il baco in questo codice è che in alcuni punti d'uscita la variabile ``foo`` è
+NULL.  Normalmente si corregge questo baco dividendo la gestione dell'errore in
+due parti ``err_free_bar:`` e ``err_free_foo:``:
+
+.. code-block:: c
+
+	 err_free_bar:
+		kfree(foo->bar);
+	 err_free_foo:
+		kfree(foo);
+		return ret;
+
+Idealmente, dovreste simulare condizioni d'errore per verificare i vostri
+percorsi d'uscita.
+
+
+8) Commenti
+-----------
+
+I commenti sono una buona cosa, ma c'è anche il rischio di esagerare.  MAI
+spiegare COME funziona il vostro codice in un commento: è molto meglio
+scrivere il codice di modo che il suo funzionamento sia ovvio, inoltre
+spiegare codice scritto male è una perdita di tempo.
+
+Solitamente, i commenti devono dire COSA fa il codice, e non COME lo fa.
+Inoltre, cercate di evitare i commenti nel corpo della funzione: se la
+funzione è così complessa che dovete commentarla a pezzi, allora dovreste
+tornare al punto 6 per un momento.  Potete mettere dei piccoli commenti per
+annotare o avvisare il lettore circa un qualcosa di particolarmente arguto
+(o brutto), ma cercate di non esagerare.  Invece, mettete i commenti in
+testa alla funzione spiegando alle persone cosa fa, e possibilmente anche
+il PERCHÉ.
+
+Per favore, quando commentate una funzione dell'API del kernel usate il
+formato kernel-doc.  Per maggiori dettagli, leggete i file in
+:ref::ref:`Documentation/translations/it_IT/doc-guide/ <it_doc_guide>` e in
+``script/kernel-doc``.
+
+Lo stile preferito per i commenti più lunghi (multi-riga) è:
+
+.. code-block:: c
+
+	/*
+	 * This is the preferred style for multi-line
+	 * comments in the Linux kernel source code.
+	 * Please use it consistently.
+	 *
+	 * Description:  A column of asterisks on the left side,
+	 * with beginning and ending almost-blank lines.
+	 */
+
+Per i file in net/ e in drivers/net/ lo stile preferito per i commenti
+più lunghi (multi-riga) è leggermente diverso.
+
+.. code-block:: c
+
+	/* The preferred comment style for files in net/ and drivers/net
+	 * looks like this.
+	 *
+	 * It is nearly the same as the generally preferred comment style,
+	 * but there is no initial almost-blank line.
+	 */
+
+È anche importante commentare i dati, sia per i tipi base che per tipi
+derivati.  A questo scopo, dichiarate un dato per riga (niente virgole
+per una dichiarazione multipla).  Questo vi lascerà spazio per un piccolo
+commento per spiegarne l'uso.
+
+
+9) Avete fatto un pasticcio
+---------------------------
+
+Va bene, li facciamo tutti.  Probabilmente vi è stato detto dal vostro
+aiutante Unix di fiducia che ``GNU emacs`` formatta automaticamente il
+codice C per conto vostro, e avete notato che sì, in effetti lo fa, ma che
+i modi predefiniti non sono proprio allettanti (infatti, sono peggio che
+premere tasti a caso - un numero infinito di scimmie che scrivono in
+GNU emacs non faranno mai un buon programma).
+
+Quindi, potete sbarazzarvi di GNU emacs, o riconfigurarlo con valori più
+sensati.  Per fare quest'ultima cosa, potete appiccicare il codice che
+segue nel vostro file .emacs:
+
+.. code-block:: none
+
+  (defun c-lineup-arglist-tabs-only (ignored)
+    "Line up argument lists by tabs, not spaces"
+    (let* ((anchor (c-langelem-pos c-syntactic-element))
+           (column (c-langelem-2nd-pos c-syntactic-element))
+           (offset (- (1+ column) anchor))
+           (steps (floor offset c-basic-offset)))
+      (* (max steps 1)
+         c-basic-offset)))
+
+  (add-hook 'c-mode-common-hook
+            (lambda ()
+              ;; Add kernel style
+              (c-add-style
+               "linux-tabs-only"
+               '("linux" (c-offsets-alist
+                          (arglist-cont-nonempty
+                           c-lineup-gcc-asm-reg
+                           c-lineup-arglist-tabs-only))))))
+
+  (add-hook 'c-mode-hook
+            (lambda ()
+              (let ((filename (buffer-file-name)))
+                ;; Enable kernel mode for the appropriate files
+                (when (and filename
+                           (string-match (expand-file-name "~/src/linux-trees")
+                                         filename))
+                  (setq indent-tabs-mode t)
+                  (setq show-trailing-whitespace t)
+                  (c-set-style "linux-tabs-only")))))
+
+Questo farà funzionare meglio emacs con lo stile del kernel per i file che
+si trovano nella cartella ``~/src/linux-trees``.
+
+Ma anche se doveste fallire nell'ottenere una formattazione sensata in emacs
+non tutto è perduto: usate ``indent``.
+
+Ora, ancora, GNU indent ha la stessa configurazione decerebrata di GNU emacs,
+ed è per questo che dovete passargli alcune opzioni da riga di comando.
+Tuttavia, non è così terribile, perché perfino i creatori di GNU indent
+riconoscono l'autorità di K&R (le persone del progetto GNU non sono cattive,
+sono solo mal indirizzate sull'argomento), quindi date ad indent le opzioni
+``-kr -i8`` (che significa ``K&R, 8 caratteri di indentazione``), o utilizzate
+``scripts/Lindent`` che indenterà usando l'ultimo stile.
+
+``indent`` ha un sacco di opzioni, e specialmente quando si tratta di
+riformattare i commenti dovreste dare un'occhiata alle pagine man.
+Ma ricordatevi: ``indent`` non è un correttore per una cattiva programmazione.
+
+Da notare che potete utilizzare anche ``clang-format`` per aiutarvi con queste
+regole, per riformattare rapidamente ad automaticamente alcune parti del
+vostro codice, e per revisionare interi file al fine di identificare errori
+di stile, refusi e possibilmente anche delle migliorie. È anche utile per
+ordinare gli ``#include``, per allineare variabili/macro, per ridistribuire
+il testo e altre cose simili.
+Per maggiori dettagli, consultate il file
+:ref:`Documentation/translations/it_IT/process/clang-format.rst <it_clangformat>`.
+
+
+10) File di configurazione Kconfig
+----------------------------------
+
+Per tutti i file di configurazione Kconfig* che si possono trovare nei
+sorgenti, l'indentazione è un po' differente.  Le linee dopo un ``config``
+sono indentate con un tab, mentre il testo descrittivo è indentato di
+ulteriori due spazi.  Esempio::
+
+  config AUDIT
+	bool "Auditing support"
+	depends on NET
+	help
+	  Enable auditing infrastructure that can be used with another
+	  kernel subsystem, such as SELinux (which requires this for
+	  logging of avc messages output).  Does not do system-call
+	  auditing without CONFIG_AUDITSYSCALL.
+
+Le funzionalità davvero pericolose (per esempio il supporto alla scrittura
+per certi filesystem) dovrebbero essere dichiarate chiaramente come tali
+nella stringa di titolo::
+
+  config ADFS_FS_RW
+	bool "ADFS write support (DANGEROUS)"
+	depends on ADFS_FS
+	...
+
+Per la documentazione completa sui file di configurazione, consultate
+il documento Documentation/translations/it_IT/kbuild/kconfig-language.txt
+
+
+11) Strutture dati
+------------------
+
+Le strutture dati che hanno una visibilità superiore al contesto del
+singolo thread in cui vengono create e distrutte, dovrebbero sempre
+avere un contatore di riferimenti.  Nel kernel non esiste un
+*garbage collector* (e fuori dal kernel i *garbage collector* sono lenti
+e inefficienti), questo significa che **dovete** assolutamente avere un
+contatore di riferimenti per ogni cosa che usate.
+
+Avere un contatore di riferimenti significa che potete evitare la
+sincronizzazione e permette a più utenti di accedere alla struttura dati
+in parallelo - e non doversi preoccupare di una struttura dati che
+improvvisamente sparisce dalla loro vista perché il loro processo dormiva
+o stava facendo altro per un attimo.
+
+Da notare che la sincronizzazione **non** si sostituisce al conteggio dei
+riferimenti.  La sincronizzazione ha lo scopo di mantenere le strutture
+dati coerenti, mentre il conteggio dei riferimenti è una tecnica di gestione
+della memoria.  Solitamente servono entrambe le cose, e non vanno confuse fra
+di loro.
+
+Quando si hanno diverse classi di utenti, le strutture dati possono avere
+due livelli di contatori di riferimenti.  Il contatore di classe conta
+il numero dei suoi utenti, e il contatore globale viene decrementato una
+sola volta quando il contatore di classe va a zero.
+
+Un esempio di questo tipo di conteggio dei riferimenti multi-livello può
+essere trovato nella gestore della memoria (``struct mm_sturct``: mm_user e
+mm_count), e nel codice dei filesystem (``struct super_block``: s_count e
+s_active).
+
+Ricordatevi: se un altro thread può trovare la vostra struttura dati, e non
+avete un contatore di riferimenti per essa, quasi certamente avete un baco.
+
+12) Macro, enumerati e RTL
+---------------------------
+
+I nomi delle macro che definiscono delle costanti e le etichette degli
+enumerati sono scritte in maiuscolo.
+
+.. code-block:: c
+
+	#define CONSTANT 0x12345
+
+Gli enumerati sono da preferire quando si definiscono molte costanti correlate.
+
+I nomi delle macro in MAIUSCOLO sono preferibili ma le macro che assomigliano
+a delle funzioni possono essere scritte in minuscolo.
+
+Generalmente, le funzioni inline sono preferibili rispetto alle macro che
+sembrano funzioni.
+
+Le macro che contengono più istruzioni dovrebbero essere sempre chiuse in un
+blocco do - while:
+
+.. code-block:: c
+
+	#define macrofun(a, b, c)			\
+		do {					\
+			if (a == 5)			\
+				do_this(b, c);		\
+		} while (0)
+
+Cose da evitare quando si usano le macro:
+
+1) le macro che hanno effetti sul flusso del codice:
+
+.. code-block:: c
+
+	#define FOO(x)					\
+		do {					\
+			if (blah(x) < 0)		\
+				return -EBUGGERED;	\
+		} while (0)
+
+sono **proprio** una pessima idea.  Sembra una chiamata a funzione ma termina
+la funzione chiamante; non cercate di rompere il decodificatore interno di
+chi legge il codice.
+
+2) le macro che dipendono dall'uso di una variabile locale con un nome magico:
+
+.. code-block:: c
+
+	#define FOO(val) bar(index, val)
+
+potrebbe sembrare una bella cosa, ma è dannatamente confusionario quando uno
+legge il codice e potrebbe romperlo con una cambiamento che sembra innocente.
+
+3) le macro con argomenti che sono utilizzati come l-values; questo potrebbe
+ritorcervisi contro se qualcuno, per esempio, trasforma FOO in una funzione
+inline.
+
+4) dimenticatevi delle precedenze: le macro che definiscono espressioni devono
+essere racchiuse fra parentesi. State attenti a problemi simili con le macro
+parametrizzate.
+
+.. code-block:: c
+
+	#define CONSTANT 0x4000
+	#define CONSTEXP (CONSTANT | 3)
+
+5) collisione nello spazio dei nomi quando si definisce una variabile locale in
+una macro che sembra una funzione:
+
+.. code-block:: c
+
+	#define FOO(x)				\
+	({					\
+		typeof(x) ret;			\
+		ret = calc_ret(x);		\
+		(ret);				\
+	})
+
+ret è un nome comune per una variabile locale - __foo_ret difficilmente
+andrà in conflitto con una variabile già esistente.
+
+Il manuale di cpp si occupa esaustivamente delle macro. Il manuale di sviluppo
+di gcc copre anche l'RTL che viene usato frequentemente nel kernel per il
+linguaggio assembler.
+
+13) Visualizzare i messaggi del kernel
+--------------------------------------
+
+Agli sviluppatori del kernel piace essere visti come dotti. Tenete un occhio
+di riguardo per l'ortografia e farete una belle figura. In inglese, evitate
+l'uso di parole mozzate come ``dont``: usate ``do not`` oppure ``don't``.
+Scrivete messaggi concisi, chiari, e inequivocabili.
+
+I messaggi del kernel non devono terminare con un punto fermo.
+
+Scrivere i numeri fra parentesi (%d) non migliora alcunché e per questo
+dovrebbero essere evitati.
+
+Ci sono alcune macro per la diagnostica in <linux/device.h> che dovreste
+usare per assicurarvi che i messaggi vengano associati correttamente ai
+dispositivi e ai driver, e che siano etichettati correttamente:  dev_err(),
+dev_warn(), dev_info(), e così via.  Per messaggi che non sono associati ad
+alcun dispositivo, <linux/printk.h> definisce pr_info(), pr_warn(), pr_err(),
+eccetera.
+
+Tirar fuori un buon messaggio di debug può essere una vera sfida; e quando
+l'avete può essere d'enorme aiuto per risolvere problemi da remoto.
+Tuttavia, i messaggi di debug sono gestiti differentemente rispetto agli
+altri.  Le funzioni pr_XXX() stampano incondizionatamente ma pr_debug() no;
+essa non viene compilata nella configurazione predefinita, a meno che
+DEBUG o CONFIG_DYNAMIC_DEBUG non vengono impostati.  Questo vale anche per
+dev_dbg() e in aggiunta VERBOSE_DEBUG per aggiungere i messaggi dev_vdbg().
+
+Molti sottosistemi hanno delle opzioni di debug in Kconfig che aggiungono
+-DDEBUG nei corrispettivi Makefile, e in altri casi aggiungono #define DEBUG
+in specifici file.  Infine, quando un messaggio di debug dev'essere stampato
+incondizionatamente, per esempio perché siete già in una sezione di debug
+racchiusa in #ifdef, potete usare printk(KERN_DEBUG ...).
+
+14) Assegnare memoria
+---------------------
+
+Il kernel fornisce i seguenti assegnatori ad uso generico:
+kmalloc(), kzalloc(), kmalloc_array(), kcalloc(), vmalloc(), e vzalloc().
+Per maggiori informazioni, consultate la documentazione dell'API.
+
+Il modo preferito per passare la dimensione di una struttura è il seguente:
+
+.. code-block:: c
+
+	p = kmalloc(sizeof(*p), ...);
+
+La forma alternativa, dove il nome della struttura viene scritto interamente,
+peggiora la leggibilità e introduce possibili bachi quando il tipo di
+puntatore cambia tipo ma il corrispondente sizeof non viene aggiornato.
+
+Il valore di ritorno è un puntatore void, effettuare un cast su di esso è
+ridondante. La conversione fra un puntatore void e un qualsiasi altro tipo
+di puntatore è garantito dal linguaggio di programmazione C.
+
+Il modo preferito per assegnare un vettore è il seguente:
+
+.. code-block:: c
+
+	p = kmalloc_array(n, sizeof(...), ...);
+
+Il modo preferito per assegnare un vettore a zero è il seguente:
+
+.. code-block:: c
+
+	p = kcalloc(n, sizeof(...), ...);
+
+Entrambe verificano la condizione di overflow per la dimensione
+d'assegnamento n * sizeof(...), se accade ritorneranno NULL.
+
+15) Il morbo inline
+-------------------
+
+Sembra che ci sia la percezione errata che gcc abbia una qualche magica
+opzione "rendimi più veloce" chiamata ``inline``. In alcuni casi l'uso di
+inline è appropriato (per esempio in sostituzione delle macro, vedi
+capitolo 12), ma molto spesso non lo è. L'uso abbondante della parola chiave
+inline porta ad avere un kernel più grande, che si traduce in un sistema nel
+suo complesso più lento per via di una cache per le istruzioni della CPU più
+grande e poi semplicemente perché ci sarà meno spazio disponibile per una
+pagina di cache. Pensateci un attimo; una fallimento nella cache causa una
+ricerca su disco che può tranquillamente richiedere 5 millisecondi. Ci sono
+TANTI cicli di CPU che potrebbero essere usati in questi 5 millisecondi.
+
+Spesso le persone dicono che aggiungere inline a delle funzioni dichiarate
+static e utilizzare una sola volta è sempre una scelta vincente perché non
+ci sono altri compromessi. Questo è tecnicamente vero ma gcc è in grado di
+trasformare automaticamente queste funzioni in inline; i problemi di
+manutenzione del codice per rimuovere gli inline quando compare un secondo
+utente surclassano il potenziale vantaggio nel suggerire a gcc di fare una
+cosa che avrebbe fatto comunque.
+
+16) Nomi e valori di ritorno delle funzioni
+-------------------------------------------
+
+Le funzioni possono ritornare diversi tipi di valori, e uno dei più comuni
+è quel valore che indica se una funzione ha completato con successo o meno.
+Questo valore può essere rappresentato come un codice di errore intero
+(-Exxx = fallimento, 0 = successo) oppure un booleano di successo
+(0 = fallimento, non-zero = successo).
+
+Mischiare questi due tipi di rappresentazioni è un terreno fertile per
+i bachi più insidiosi.  Se il linguaggio C includesse una forte distinzione
+fra gli interi e i booleani, allora il compilatore potrebbe trovare questi
+errori per conto nostro ... ma questo non c'è.  Per evitare di imbattersi
+in questo tipo di baco, seguite sempre la seguente convenzione::
+
+	Se il nome di una funzione è un'azione o un comando imperativo,
+	essa dovrebbe ritornare un codice di errore intero.  Se il nome
+	è un predicato, la funzione dovrebbe ritornare un booleano di
+	"successo"
+
+Per esempio, ``add work`` è un comando, e la funzione add_work() ritorna 0
+in caso di successo o -EBUSY in caso di fallimento.  Allo stesso modo,
+``PCI device present`` è un predicato, e la funzione pci_dev_present() ritorna
+1 se trova il dispositivo corrispondente con successo, altrimenti 0.
+
+Tutte le funzioni esportate (EXPORT) devono rispettare questa convenzione, e
+così dovrebbero anche tutte le funzioni pubbliche.  Le funzioni private
+(static) possono non seguire questa convenzione, ma è comunque raccomandato
+che lo facciano.
+
+Le funzioni il cui valore di ritorno è il risultato di una computazione,
+piuttosto che l'indicazione sul successo di tale computazione, non sono
+soggette a questa regola.  Solitamente si indicano gli errori ritornando un
+qualche valore fuori dai limiti.  Un tipico esempio è quello delle funzioni
+che ritornano un puntatore; queste utilizzano NULL o ERR_PTR come meccanismo
+di notifica degli errori.
+
+17) Non reinventate le macro del kernel
+---------------------------------------
+
+Il file di intestazione include/linux/kernel.h contiene un certo numero
+di macro che dovreste usare piuttosto che implementarne una qualche variante.
+Per esempio, se dovete calcolare la lunghezza di un vettore, sfruttate la
+macro:
+
+.. code-block:: c
+
+	#define ARRAY_SIZE(x) (sizeof(x) / sizeof((x)[0]))
+
+Analogamente, se dovete calcolare la dimensione di un qualche campo di una
+struttura, usate
+
+.. code-block:: c
+
+	#define FIELD_SIZEOF(t, f) (sizeof(((t*)0)->f))
+
+Ci sono anche le macro min() e max() che, se vi serve, effettuano un controllo
+rigido sui tipi.  Sentitevi liberi di leggere attentamente questo file
+d'intestazione per scoprire cos'altro è stato definito che non dovreste
+reinventare nel vostro codice.
+
+18) Linee di configurazione degli editor e altre schifezze
+-----------------------------------------------------------
+
+Alcuni editor possono interpretare dei parametri di configurazione integrati
+nei file sorgenti e indicati con dai marcatori speciali.  Per esempio, emacs
+interpreta le linee marcate nel seguente modo:
+
+.. code-block:: c
+
+	-*- mode: c -*-
+
+O come queste:
+
+.. code-block:: c
+
+	/*
+	Local Variables:
+	compile-command: "gcc -DMAGIC_DEBUG_FLAG foo.c"
+	End:
+	*/
+
+Vim interpreta i marcatori come questi:
+
+.. code-block:: c
+
+	/* vim:set sw=8 noet */
+
+Non includete nessuna di queste cose nei file sorgenti.  Le persone hanno le
+proprie configurazioni personali per l'editor, e i vostri sorgenti non
+dovrebbero sovrascrivergliele.  Questo vale anche per i marcatori
+d'indentazione e di modalità d'uso.  Le persone potrebbero aver configurato una
+modalità su misura, oppure potrebbero avere qualche altra magia per far
+funzionare bene l'indentazione.
+
+19) Inline assembly
+---------------------
+
+Nel codice specifico per un'architettura, potreste aver bisogno di codice
+*inline assembly* per interfacciarvi col processore o con una funzionalità
+specifica della piattaforma.  Non esitate a farlo quando è necessario.
+Comunque, non usatele gratuitamente quando il C può fare la stessa cosa.
+Potete e dovreste punzecchiare l'hardware in C quando è possibile.
+
+Considerate la scrittura di una semplice funzione che racchiude pezzi comuni
+di codice assembler piuttosto che continuare a riscrivere delle piccole
+varianti.  Ricordatevi che l' *inline assembly* può utilizzare i parametri C.
+
+Il codice assembler più corposo e non banale dovrebbe andare nei file .S,
+coi rispettivi prototipi C definiti nei file d'intestazione.  I prototipi C
+per le funzioni assembler dovrebbero usare ``asmlinkage``.
+
+Potreste aver bisogno di marcare il vostro codice asm come volatile al fine
+d'evitare che GCC lo rimuova quando pensa che non ci siano effetti collaterali.
+Non c'è sempre bisogno di farlo, e farlo quando non serve limita le
+ottimizzazioni.
+
+Quando scrivete una singola espressione *inline assembly* contenente più
+istruzioni, mettete ognuna di queste istruzioni in una stringa e riga diversa;
+ad eccezione dell'ultima stringa/istruzione, ognuna deve terminare con ``\n\t``
+al fine di allineare correttamente l'assembler che verrà generato:
+
+.. code-block:: c
+
+	asm ("magic %reg1, #42\n\t"
+	     "more_magic %reg2, %reg3"
+	     : /* outputs */ : /* inputs */ : /* clobbers */);
+
+20) Compilazione sotto condizione
+---------------------------------
+
+Ovunque sia possibile, non usate le direttive condizionali del preprocessore
+(#if, #ifdef) nei file .c; farlo rende il codice difficile da leggere e da
+seguire.  Invece, usate queste direttive nei file d'intestazione per definire
+le funzioni usate nei file .c, fornendo i relativi stub nel caso #else,
+e quindi chiamate queste funzioni senza condizioni di preprocessore.  Il
+compilatore non produrrà alcun codice per le funzioni stub, produrrà gli
+stessi risultati, e la logica rimarrà semplice da seguire.
+
+È preferibile non compilare intere funzioni piuttosto che porzioni d'esse o
+porzioni d'espressioni.  Piuttosto che mettere una ifdef in un'espressione,
+fattorizzate parte dell'espressione, o interamente, in funzioni e applicate
+la direttiva condizionale su di esse.
+
+Se avete una variabile o funzione che potrebbe non essere usata in alcune
+configurazioni, e quindi il compilatore potrebbe avvisarvi circa la definizione
+inutilizzata, marcate questa definizione come __maybe_used piuttosto che
+racchiuderla in una direttiva condizionale del preprocessore.  (Comunque,
+se una variabile o funzione è *sempre* inutilizzata, rimuovetela).
+
+Nel codice, dov'è possibile, usate la macro IS_ENABLED per convertire i
+simboli Kconfig in espressioni booleane C, e quindi usatela nelle classiche
+condizioni C:
+
+.. code-block:: c
+
+	if (IS_ENABLED(CONFIG_SOMETHING)) {
+		...
+	}
+
+Il compilatore valuterà la condizione come costante (constant-fold), e quindi
+includerà o escluderà il blocco di codice come se fosse in un #ifdef, quindi
+non ne aumenterà il tempo di esecuzione.  Tuttavia, questo permette al
+compilatore C di vedere il codice nel blocco condizionale e verificarne la
+correttezza (sintassi, tipi, riferimenti ai simboli, eccetera).  Quindi
+dovete comunque utilizzare #ifdef se il codice nel blocco condizionale esiste
+solo quando la condizione è soddisfatta.
+
+Alla fine di un blocco corposo di #if o #ifdef (più di alcune linee),
+mettete un commento sulla stessa riga di #endif, annotando la condizione
+che termina.  Per esempio:
+
+.. code-block:: c
+
+	#ifdef CONFIG_SOMETHING
+	...
+	#endif /* CONFIG_SOMETHING */
+
+Appendice I) riferimenti
+------------------------
+
+The C Programming Language, Second Edition
+by Brian W. Kernighan and Dennis M. Ritchie.
+Prentice Hall, Inc., 1988.
+ISBN 0-13-110362-8 (paperback), 0-13-110370-9 (hardback).
+
+The Practice of Programming
+by Brian W. Kernighan and Rob Pike.
+Addison-Wesley, Inc., 1999.
+ISBN 0-201-61586-X.
+
+Manuali GNU - nei casi in cui sono compatibili con K&R e questo documento -
+per indent, cpp, gcc e i suoi dettagli interni, tutto disponibile qui
+http://www.gnu.org/manual/
+
+WG14 è il gruppo internazionale di standardizzazione per il linguaggio C,
+URL: http://www.open-std.org/JTC1/SC22/WG14/
+
+Kernel process/coding-style.rst, by greg@kroah.com at OLS 2002:
+http://www.kroah.com/linux/talks/ols_2002_kernel_codingstyle_talk/html/
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/development-process.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/development-process.rst
new file mode 100644
index 000000000000..f1a6eca30824
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/development-process.rst
@@ -0,0 +1,33 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/development-process.rst <development_process_main>`
+:Translator: Alessia Mantegazza <amantegazza@vaga.pv.it>
+
+.. _it_development_process_main:
+
+Una guida al processo di sviluppo del Kernel
+============================================
+
+Contenuti:
+
+.. toctree::
+   :numbered:
+   :maxdepth: 2
+
+   1.Intro
+   2.Process
+   3.Early-stage
+   4.Coding
+   5.Posting
+   6.Followthrough
+   7.AdvancedTopics
+   8.Conclusion
+
+Lo scopo di questo documento è quello di aiutare gli sviluppatori (ed i loro
+supervisori) a lavorare con la communità di sviluppo con il minimo sforzo. È
+un tentativo di documentare il funzionamento di questa communità in modo che
+sia accessibile anche a coloro che non hanno famigliarità con lo sviluppo del
+Kernel Linux (o, anzi, con lo sviluppo di software libero in generale).  Benchè
+qui sia presente del materiale tecnico, questa è una discussione rivolta in
+particolare al procedimento, e quindi per essere compreso non richiede una
+conoscenza approfondità sullo sviluppo del kernel.
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/email-clients.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/email-clients.rst
new file mode 100644
index 000000000000..224ab031ffd3
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/email-clients.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/email-clients.rst <email_clients>`
+
+.. _it_email_clients:
+
+Informazioni sui programmi di posta elettronica per Linux
+=========================================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/howto.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/howto.rst
new file mode 100644
index 000000000000..909e6a55bc43
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/howto.rst
@@ -0,0 +1,655 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/howto.rst <process_howto>`
+:Translator: Alessia Mantegazza <amantegazza@vaga.pv.it>
+
+.. _it_process_howto:
+
+Come partecipare allo sviluppo del kernel Linux
+===============================================
+
+Questo è il documento fulcro di quanto trattato sull'argomento.
+Esso contiene le istruzioni su come diventare uno sviluppatore
+del kernel Linux e spiega come lavorare con la comunità di
+sviluppo kernel Linux. Il documento non tratterà alcun aspetto
+tecnico relativo alla programmazione del kernel, ma vi aiuterà
+indirizzandovi sulla corretta strada.
+
+Se qualsiasi cosa presente in questo documento diventasse obsoleta,
+vi preghiamo di inviare le correzioni agli amministratori di questo
+file, indicati in fondo al presente documento.
+
+Introduzione
+------------
+Dunque, volete imparare come diventare sviluppatori del kernel Linux?
+O vi è stato detto dal vostro capo, "Vai, scrivi un driver Linux per
+questo dispositivo". Bene, l'obbiettivo di questo documento è quello
+di insegnarvi tutto ciò che dovete sapere per raggiungere il vostro
+scopo descrivendo il procedimento da seguire e consigliandovi
+su come lavorare con la comunità. Il documento cercherà, inoltre,
+di spiegare alcune delle ragioni per le quali la comunità lavora in un
+modo suo particolare.
+
+Il kernel è scritto prevalentemente nel linguaggio C con alcune parti
+specifiche dell'architettura scritte in linguaggio assembly.
+Per lo sviluppo kernel è richiesta una buona conoscenza del linguaggio C.
+L'assembly (di qualsiasi architettura) non è richiesto, a meno che non
+pensiate di fare dello sviluppo di basso livello per un'architettura.
+Sebbene essi non siano un buon sostituto ad un solido studio del
+linguaggio C o ad anni di esperienza, i seguenti libri sono, se non
+altro, utili riferimenti:
+
+- "The C Programming Language" di Kernighan e Ritchie [Prentice Hall]
+- "Practical C Programming" di Steve Oualline [O'Reilly]
+- "C:  A Reference Manual" di Harbison and Steele [Prentice Hall]
+
+Il kernel è stato scritto usando GNU C e la toolchain GNU.
+Sebbene si attenga allo standard ISO C89, esso utilizza una serie di
+estensioni che non sono previste in questo standard. Il kernel è un
+ambiente C indipendente, che non ha alcuna dipendenza dalle librerie
+C standard, così alcune parti del C standard non sono supportate.
+Le divisioni ``long long`` e numeri in virgola mobile non sono permessi.
+Qualche volta è difficile comprendere gli assunti che il kernel ha
+riguardo gli strumenti e le estensioni in uso, e sfortunatamente non
+esiste alcuna indicazione definitiva. Per maggiori informazioni, controllate,
+la pagina `info gcc`.
+
+Tenete a mente che state cercando di apprendere come lavorare con la comunità
+di sviluppo già esistente. Questo è un gruppo eterogeneo di persone, con alti
+standard di codifica, di stile e di procedura. Questi standard sono stati
+creati nel corso del tempo basandosi su quanto hanno riscontrato funzionare al
+meglio per un squadra così grande e geograficamente sparsa. Cercate di
+imparare, in anticipo, il più possibile circa questi standard, poichè ben
+spiegati; non aspettatevi che gli altri si adattino al vostro modo di fare
+o a quello della vostra azienda.
+
+Note legali
+------------
+Il codice sorgente del kernel Linux è rilasciato sotto GPL. Siete pregati
+di visionare il file, COPYING, presente nella cartella principale dei
+sorgente, per eventuali dettagli sulla licenza. Se avete ulteriori domande
+sulla licenza, contattate un avvocato, non chiedete sulle liste di discussione
+del kernel Linux. Le persone presenti in queste liste non sono avvocati,
+e non dovreste basarvi sulle loro dichiarazioni in materia giuridica.
+
+Per domande più frequenti e risposte sulla licenza GPL, guardare:
+
+	https://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.html
+
+Documentazione
+--------------
+I sorgenti del kernel Linux hanno una vasta base di documenti che vi
+insegneranno come interagire con la comunità del kernel. Quando nuove
+funzionalità vengono aggiunte al kernel, si raccomanda di aggiungere anche i
+relativi file di documentatione che spiegano come usarele.
+Quando un cambiamento del kernel genera anche un cambiamento nell'interfaccia
+con lo spazio utente, è raccomandabile che inviate una notifica o una
+correzione alle pagine *man* spiegando tale modifica agli amministratori di
+queste pagine all'indirizzo mtk.manpages@gmail.com, aggiungendo
+in CC la lista linux-api@vger.kernel.org.
+
+Di seguito una lista di file che sono presenti nei sorgente del kernel e che
+è richiesto che voi leggiate:
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/admin-guide/README.rst <it_readme>`
+    Questo file da una piccola anteprima del kernel Linux e descrive il
+    minimo necessario per configurare e generare il kernel. I novizi
+    del kernel dovrebbero iniziare da qui.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst <it_changes>`
+
+    Questo file fornisce una lista dei pacchetti software necessari
+    a compilare e far funzionare il kernel con successo.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst <it_codingstyle>`
+
+    Questo file descrive lo stile della codifica per il kernel Linux,
+    e parte delle motivazioni che ne sono alla base. Tutto il nuovo codice deve
+    seguire le linee guida in questo documento. Molti amministratori
+    accetteranno patch solo se queste osserveranno tali regole, e molte
+    persone revisioneranno il codice solo se scritto nello stile appropriato.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst <it_submittingpatches>` e
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst <it_submittingdrivers>`
+
+    Questo file descrive dettagliatamente come creare ed inviare una patch
+    con successo, includendo (ma non solo questo):
+
+       - Contenuto delle email
+       - Formato delle email
+       - I destinatari delle email
+
+    Seguire tali regole non garantirà il successo (tutte le patch sono soggette
+    a controlli realitivi a contenuto e stile), ma non seguirle lo precluderà
+    sempre.
+
+    Altre ottime descrizioni di come creare buone patch sono:
+
+	"The Perfect Patch"
+		https://www.ozlabs.org/~akpm/stuff/tpp.txt
+
+	"Linux kernel patch submission format"
+		http://linux.yyz.us/patch-format.html
+
+  :ref:`Documentation/process/translations/it_IT/stable-api-nonsense.rst <it_stable_api_nonsense>`
+
+    Questo file descrive la motivazioni sottostanti la conscia decisione di
+    non avere un API stabile all'interno del kernel, incluso cose come:
+
+      - Sottosistemi shim-layers (per compatibilità?)
+      - Portabilità fra Sistemi Operativi dei driver.
+      - Attenuare i rapidi cambiamenti all'interno dei sorgenti del kernel
+        (o prevenirli)
+
+    Questo documento è vitale per la comprensione della filosifia alla base
+    dello sviluppo di Linux ed è molto importante per le persone che arrivano
+    da esperienze con altri Sistemi Operativi.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/admin-guide/security-bugs.rst <it_securitybugs>`
+    Se ritenete di aver trovato un problema di sicurezza nel kernel Linux,
+    seguite i passaggi scritti in questo documento per notificarlo agli
+    sviluppatori del kernel, ed aiutare la risoluzione del problema.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/management-style.rst <it_managementstyle>`
+    Questo documento descrive come i manutentori del kernel Linux operano
+    e la filosofia comune alla base del loro metodo.  Questa è un'importante
+    lettura per tutti coloro che sono nuovi allo sviluppo del kernel (o per
+    chi è semplicemente curioso), poiché risolve molti dei più comuni
+    fraintendimenti e confusioni dovuti al particolare comportamento dei
+    manutentori del kernel.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/stable-kernel-rules.rst <it_stable_kernel_rules>`
+    Questo file descrive le regole sulle quali vengono basati i rilasci del
+    kernel, e spiega cosa fare se si vuole che una modifica venga inserita
+    in uno di questi rilasci.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/kernel-docs.rst <it_kernel_docs>`
+    Una lista di documenti pertinenti allo sviluppo del kernel.
+    Per favore consultate questa lista se non trovate ciò che cercate nella
+    documentazione interna del kernel.
+
+  :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst <it_applying_patches>`
+    Una buona introduzione che descrivere esattamente cos'è una patch e come
+    applicarla ai differenti rami di sviluppo del kernel.
+
+Il kernel inoltre ha un vasto numero di documenti che possono essere
+automaticamente generati dal codice sorgente stesso o da file
+ReStructuredText (ReST), come questo. Esso include una completa
+descrizione dell'API interna del kernel, e le regole su come gestire la
+sincronizzazione (locking) correttamente
+
+Tutte queste tipologie di documenti possono essere generati in PDF o in
+HTML utilizzando::
+
+	make pdfdocs
+	make htmldocs
+
+rispettivamente dalla cartella principale dei sorgenti del kernel.
+
+I documenti che impiegano ReST saranno generati nella cartella
+Documentation/output.
+Questi posso essere generati anche in formato LaTex e ePub con::
+
+	make latexdocs
+	make epubdocs
+
+Diventare uno sviluppatore del kernel
+-------------------------------------
+Se non sapete nulla sullo sviluppo del kernel Linux, dovreste dare uno
+sguardo al progetto *Linux KernelNewbies*:
+
+	https://kernelnewbies.org
+
+Esso prevede un'utile lista di discussione dove potete porre più o meno ogni
+tipo di quesito relativo ai concetti fondamentali sullo sviluppo del kernel
+(assicuratevi di cercare negli archivi, prima di chiedere qualcosa alla
+quale è già stata fornita risposta in passato). Esistono inoltre, un canale IRC
+che potete usare per formulare domande in tempo reale, e molti documenti utili
+che vi faciliteranno nell'apprendimento dello sviluppo del kernel Linux.
+
+Il sito internet contiene informazioni di base circa l'organizzazione del
+codice, sottosistemi e progetti attuali (sia interni che esterni a Linux).
+Esso descrive, inoltre, informazioni logistiche di base, riguardanti ad esempio
+la compilazione del kernel e l'applicazione di una modifica.
+
+Se non sapete dove cominciare, ma volete cercare delle attività dalle quali
+partire per partecipare alla comunità di sviluppo, andate al progetto Linux
+Kernel Janitor's.
+
+	https://kernelnewbies.org/KernelJanitors
+
+È un buon posto da cui iniziare. Esso presenta una lista di problematiche
+relativamente semplici da sistemare e pulire all'interno della sorgente del
+kernel Linux. Lavorando con gli sviluppatori incaricati di questo progetto,
+imparerete le basi per l'inserimento delle vostre modifiche all'interno dei
+sorgenti del kernel Linux, e possibilmente, sarete indirizzati al lavoro
+successivo da svolgere, se non ne avrete ancora idea.
+
+Prima di apportare una qualsiasi modifica al codice del kernel Linux,
+è imperativo comprendere come tale codice funziona. A questo scopo, non c'è
+nulla di meglio che leggerlo direttamente (la maggior parte dei bit più
+complessi sono ben commentati), eventualmente anche con l'aiuto di strumenti
+specializzati. Uno degli strumenti che è particolarmente raccomandato è
+il progetto Linux Cross-Reference, che è in grado di presentare codice
+sorgente in un formato autoreferenziale ed indicizzato. Un eccellente ed
+aggiornata fonte di consultazione del codice del kernel la potete trovare qui:
+
+	http://lxr.free-electrons.com/
+
+
+Il processo di sviluppo
+-----------------------
+Il processo di sviluppo del kernel Linux si compone di pochi "rami" principali
+e di molti altri rami per specifici sottosistemi. Questi rami sono:
+
+  - I sorgenti kernel 4.x
+  - I sorgenti stabili del kernel 4.x.y -stable
+  - Le modifiche in 4.x -git
+  - Sorgenti dei sottosistemi del kernel e le loro modifiche
+  - Il kernel 4.x -next per test d'integrazione
+
+I sorgenti kernel 4.x
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+
+I kernel 4.x sono amministrati da Linus Torvald, e possono essere trovati
+su https://kernel.org nella cartella pub/linux/kernel/v4.x/. Il processo
+di sviluppo è il seguente:
+
+  - Non appena un nuovo kernel viene rilasciato si apre una finestra di due
+    settimane. Durante questo periodo i manutentori possono proporre a Linus
+    dei grossi cambiamenti; solitamente i cambiamenti che sono già stati
+    inseriti nel ramo -next del kernel per alcune settimane. Il modo migliore
+    per sottoporre dei cambiamenti è attraverso git (lo strumento usato per
+    gestire i sorgenti del kernel, più informazioni sul sito
+    https://git-scm.com/) ma anche delle patch vanno bene.
+
+  - Al termine delle due settimane un kernel -rc1 viene rilasciato e
+    l'obbiettivo ora è quello di renderlo il più solido possibile. A questo
+    punto la maggior parte delle patch dovrebbero correggere un'eventuale
+    regressione. I bachi che sono sempre esistiti non sono considerabili come
+    regressioni, quindi inviate questo tipo di cambiamenti solo se sono
+    importanti. Notate che un intero driver (o filesystem) potrebbe essere
+    accettato dopo la -rc1 poiché non esistono rischi di una possibile
+    regressione con tale cambiamento, fintanto che quest'ultimo è
+    auto-contenuto e non influisce su aree esterne al codice che è stato
+    aggiunto. git può essere utilizzato per inviare le patch a Linus dopo che
+    la -rc1 è stata rilasciata, ma è anche necessario inviare le patch ad
+    una lista di discussione pubblica per un'ulteriore revisione.
+
+  - Una nuova -rc viene rilasciata ogni volta che Linus reputa che gli attuali
+    sorgenti siano in uno stato di salute ragionevolmente adeguato ai test.
+    L'obiettivo è quello di rilasciare una nuova -rc ogni settimana.
+
+  - Il processo continua fino a che il kernel è considerato "pronto"; tale
+    processo dovrebbe durare circa in 6 settimane.
+
+È utile menzionare quanto scritto da Andrew Morton sulla lista di discussione
+kernel-linux in merito ai rilasci del kernel:
+
+	*"Nessuno sa quando un kernel verrà rilasciato, poichè questo è
+	legato allo stato dei bachi e non ad una cronologia preventiva."*
+
+I sorgenti stabili del kernel 4.x.y -stable
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+
+I kernel con versioni in 3-parti sono "kernel stabili". Essi contengono
+correzioni critiche relativamente piccole nell'ambito della sicurezza
+oppure significative regressioni scoperte in un dato 4.x kernel.
+
+Questo è il ramo raccomandato per gli utenti che vogliono un kernel recente
+e stabile e non sono interessati a dare il proprio contributo alla verifica
+delle versioni di sviluppo o sperimentali.
+
+Se non è disponibile alcun kernel 4.x.y., quello più aggiornato e stabile
+sarà il kernel 4.x con la numerazione più alta.
+
+4.x.y sono amministrati dal gruppo "stable" <stable@vger.kernel.org>, e sono
+rilasciati a seconda delle esigenze. Il normale periodo di rilascio è
+approssimativamente di due settimane, ma può essere più lungo se non si
+verificano problematiche urgenti. Un problema relativo alla sicurezza, invece,
+può determinare un rilascio immediato.
+
+Il file Documentation/process/stable-kernel-rules.rst (nei sorgenti) documenta
+quali tipologie di modifiche sono accettate per i sorgenti -stable, e come
+avviene il processo di rilascio.
+
+Le modifiche in 4.x -git
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+
+Queste sono istantanee quotidiane del kernel di Linus e sono gestite in
+una repositorio git (da qui il nome). Queste modifiche sono solitamente
+rilasciate giornalmente e rappresentano l'attuale stato dei sorgenti di
+Linus. Queste sono da considerarsi più sperimentali di un -rc in quanto
+generate automaticamente senza nemmeno aver dato una rapida occhiata
+per verificarne lo stato.
+
+
+Sorgenti dei sottosistemi del kernel e le loro patch
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+
+I manutentori dei diversi sottosistemi del kernel --- ed anche molti
+sviluppatori di sottosistemi --- mostrano il loro attuale stato di sviluppo
+nei loro repositori. In questo modo, altri possono vedere cosa succede nelle
+diverse parti del kernel. In aree dove lo sviluppo è rapido, potrebbe essere
+chiesto ad uno sviluppatore di basare le proprie modifiche su questi repositori
+in modo da evitare i conflitti fra le sottomissioni ed altri lavori in corso
+
+La maggior parte di questi repositori sono git, ma esistono anche altri SCM
+in uso, o file di patch pubblicate come una serie quilt.
+Gli indirizzi dei repositori di sottosistema sono indicati nel file
+MAINTAINERS.  Molti di questi posso essere trovati su  https://git.kernel.org/.
+
+Prima che una modifica venga inclusa in questi sottosistemi, sarà soggetta ad
+una revisione che inizialmente avviene tramite liste di discussione (vedere la
+sezione dedicata qui sotto). Per molti sottosistemi del kernel, tale processo
+di revisione è monitorato con lo strumento patchwork.
+Patchwork offre un'interfaccia web che mostra le patch pubblicate, inclusi i
+commenti o le revisioni fatte, e gli amministratori possono indicare le patch
+come "in revisione", "accettate", o "rifiutate". Diversi siti Patchwork sono
+elencati al sito https://patchwork.kernel.org/.
+
+Il kernel 4.x -next per test d'integrazione
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+
+Prima che gli aggiornamenti dei sottosistemi siano accorpati nel ramo
+principale 4.x, sarà necessario un test d'integrazione.
+A tale scopo, esiste un repositorio speciale di test nel quale virtualmente
+tutti i rami dei sottosistemi vengono inclusi su base quotidiana:
+
+	https://git.kernel.org/?p=linux/kernel/git/next/linux-next.git
+
+In questo modo, i kernel -next offrono uno sguardo riassuntivo su quello che
+ci si aspetterà essere nel kernel principale nel successivo periodo
+d'incorporazione.
+Coloro che vorranno fare dei test d'esecuzione del kernel -next sono più che
+benvenuti.
+
+
+Riportare Bug
+-------------
+
+https://bugzilla.kernel.org è dove gli sviluppatori del kernel Linux tracciano
+i bachi del kernel. Gli utenti sono incoraggiati nel riportare tutti i bachi
+che trovano utilizzando questo strumento.
+Per maggiori dettagli su come usare il bugzilla del kernel, guardare:
+
+	https://bugzilla.kernel.org/page.cgi?id=faq.html
+
+Il file admin-guide/reporting-bugs.rst nella cartella principale del kernel
+fornisce un buon modello sul come segnalare un baco nel kernel, e spiega quali
+informazioni sono necessarie agli sviluppatori per poter aiutare il
+rintracciamento del problema.
+
+Gestire i rapporti sui bug
+--------------------------
+
+Uno dei modi migliori per mettere in pratica le vostre capacità di hacking è
+quello di riparare bachi riportati da altre persone. Non solo aiuterete a far
+diventare il kernel più stabile, ma imparerete a riparare problemi veri dal
+mondo ed accrescerete le vostre competenze, e gli altri sviluppatori saranno
+al corrente della vostra presenza. Riparare bachi è una delle migliori vie per
+acquisire meriti tra gli altri sviluppatori, perchè non a molte persone piace
+perdere tempo a sistemare i bachi di altri.
+
+Per lavorare sui rapporti di bachi già riportati, andate su
+https://bugzilla.kernel.org.
+
+Liste di discussione
+--------------------
+
+Come descritto in molti dei documenti qui sopra, la maggior parte degli
+sviluppatori del kernel partecipano alla lista di discussione Linux Kernel.
+I dettagli su come iscriversi e disiscriversi dalla lista possono essere
+trovati al sito:
+
+	http://vger.kernel.org/vger-lists.html#linux-kernel
+
+Ci sono diversi archivi della lista di discussione. Usate un qualsiasi motore
+di ricerca per trovarli. Per esempio:
+
+	http://dir.gmane.org/gmane.linux.kernel
+
+É caldamente consigliata una ricerca in questi archivi sul tema che volete
+sollevare, prima di pubblicarlo sulla lista. Molte cose sono già state
+discusse in dettaglio e registrate negli archivi della lista di discussione.
+
+Molti dei sottosistemi del kernel hanno anche una loro lista di discussione
+dedicata.  Guardate nel file MAINTAINERS per avere una lista delle liste di
+discussione e il loro uso.
+
+Molte di queste liste sono gestite su kernel.org. Per informazioni consultate
+la seguente pagina:
+
+	http://vger.kernel.org/vger-lists.html
+
+Per favore ricordatevi della buona educazione quando utilizzate queste liste.
+Sebbene sia un pò dozzinale, il seguente URL contiene alcune semplici linee
+guida per interagire con la lista (o con qualsiasi altra lista):
+
+	http://www.albion.com/netiquette/
+
+Se diverse persone rispondo alla vostra mail, la lista dei riceventi (copia
+conoscenza) potrebbe diventare abbastanza lunga. Non cancellate nessuno dalla
+lista di CC: senza un buon motivo, e non rispondete solo all'indirizzo
+della lista di discussione. Fateci l'abitudine perché capita spesso di
+ricevere la stessa email due volte: una dal mittente ed una dalla lista; e non
+cercate di modificarla aggiungendo intestazioni stravaganti, agli altri non
+piacerà.
+
+Ricordate di rimanere sempre in argomento e di mantenere le attribuzioni
+delle vostre risposte invariate; mantenete il "John Kernelhacker wrote ...:"
+in cima alla vostra replica e aggiungete le vostre risposte fra i singoli
+blocchi citati, non scrivete all'inizio dell'email.
+
+Se aggiungete patch alla vostra mail, assicuratevi che siano del tutto
+leggibili come indicato in Documentation/process/submitting-patches.rst.
+Gli sviluppatori kernel non vogliono avere a che fare con allegati o patch
+compresse; vogliono invece poter commentare le righe dei vostri cambiamenti,
+il che può funzionare solo in questo modo.
+Assicuratevi di utilizzare un gestore di mail che non alterì gli spazi ed i
+caratteri. Un ottimo primo test è quello di inviare a voi stessi una mail e
+cercare di sottoporre la vostra stessa patch. Se non funziona, sistemate il
+vostro programma di posta, o cambiatelo, finché non funziona.
+
+Ed infine, per favore ricordatevi di mostrare rispetto per gli altri
+sottoscriventi.
+
+Lavorare con la comunità
+------------------------
+
+L'obiettivo di questa comunità è quello di fornire il miglior kernel possibile.
+Quando inviate una modifica che volete integrare, sarà valutata esclusivamente
+dal punto di vista tecnico. Quindi, cosa dovreste aspettarvi?
+
+  - critiche
+  - commenti
+  - richieste di cambiamento
+  - richieste di spiegazioni
+  - nulla
+
+Ricordatevi che questo fa parte dell'integrazione della vostra modifica
+all'interno del kernel.  Dovete essere in grado di accettare le critiche,
+valutarle a livello tecnico ed eventualmente rielaborare nuovamente le vostre
+modifiche o fornire delle chiare e concise motivazioni per le quali le
+modifiche suggerite non dovrebbero essere fatte.
+Se non riceverete risposte, aspettate qualche giorno e riprovate ancora,
+qualche volta le cose si perdono nell'enorme mucchio di email.
+
+Cosa non dovreste fare?
+
+  - aspettarvi che la vostra modifica venga accettata senza problemi
+  - mettervi sulla difensiva
+  - ignorare i commenti
+  - sottomettere nuovamente la modifica senza fare nessuno dei cambiamenti
+    richiesti
+
+In una comunità che è alla ricerca delle migliori soluzioni tecniche possibili,
+ci saranno sempre opinioni differenti sull'utilità di una modifica.
+Siate cooperativi e vogliate adattare la vostra idea in modo che sia inserita
+nel kernel.  O almeno vogliate dimostrare che la vostra idea vale.
+Ricordatevi, sbagliare è accettato fintanto che siate disposti a lavorare verso
+una soluzione che è corretta.
+
+È normale che le risposte alla vostra prima modifica possa essere
+semplicemente una lista con dozzine di cose che dovreste correggere.
+Questo **non** implica che la vostra patch non sarà accettata, e questo
+**non** è contro di voi personalmente.
+Semplicemente correggete tutte le questioni sollevate contro la vostra modifica
+ed inviatela nuovamente.
+
+Differenze tra la comunità del kernel e le strutture aziendali
+--------------------------------------------------------------
+
+La comunità del kernel funziona diversamente rispetto a molti ambienti di
+sviluppo aziendali.  Qui di seguito una lista di cose che potete provare a
+fare per evitare problemi:
+
+  Cose da dire riguardanti le modifiche da voi proposte:
+
+  - "Questo risolve più problematiche."
+  - "Questo elimina 2000 stringhe di codice."
+  - "Qui una modifica che spiega cosa sto cercando di fare."
+  - "L'ho testato su 5 diverse architetture.."
+  - "Qui una serie di piccole modifiche che.."
+  - "Questo aumenta le prestazioni di macchine standard..."
+
+ Cose che dovreste evitare di dire:
+
+    - "Lo abbiamo fatto in questo modo in AIX/ptx/Solaris, di conseguenza
+       deve per forza essere giusto..."
+    - "Ho fatto questo per 20 anni, quindi.."
+    - "Questo è richiesto dalla mia Azienda per far soldi"
+    - "Questo è per la linea di prodotti della nostra Azienda"
+    - "Ecco il mio documento di design di 1000 pagine che descrive ciò che ho
+       in mente"
+    - "Ci ho lavorato per 6 mesi..."
+    - "Ecco una patch da 5000 righe che.."
+    - "Ho riscritto il pasticcio attuale, ed ecco qua.."
+    - "Ho una scadenza, e questa modifica ha bisogno di essere approvata ora"
+
+Un'altra cosa nella quale la comunità del kernel si differenzia dai più
+classici ambienti di ingegneria del software è la natura "senza volto" delle
+interazioni umane. Uno dei benefici dell'uso delle email e di irc come forma
+primordiale di comunicazione è l'assenza di discriminazione basata su genere e
+razza. L'ambienti di lavoro Linux accetta donne e minoranze perchè tutto quello
+che sei è un indirizzo email.  Aiuta anche l'aspetto internazionale nel
+livellare il terreno di gioco perchè non è possibile indovinare il genere
+basandosi sul nome di una persona. Un uomo può chiamarsi Andrea ed una donna
+potrebbe chiamarsi Pat. Gran parte delle donne che hanno lavorato al kernel
+Linux e che hanno espresso una personale opinione hanno avuto esperienze
+positive.
+
+La lingua potrebbe essere un ostacolo per quelle persone che non si trovano
+a loro agio con l'inglese.  Una buona padronanza del linguaggio può essere
+necessaria per esporre le proprie idee in maniera appropiata all'interno
+delle liste di discussione, quindi è consigliabile che rileggiate le vostre
+email prima di inviarle in modo da essere certi che abbiano senso in inglese.
+
+
+Spezzare le vostre modifiche
+----------------------------
+
+La comunità del kernel Linux non accetta con piacere grossi pezzi di codice
+buttati lì tutti in una volta. Le modifiche necessitano di essere
+adeguatamente presentate, discusse, e suddivise in parti più piccole ed
+indipendenti.  Questo è praticamente l'esatto opposto di quello che le
+aziende fanno solitamente.  La vostra proposta dovrebbe, inoltre, essere
+presentata prestissimo nel processo di sviluppo, così che possiate ricevere
+un riscontro su quello che state facendo. Lasciate che la comunità
+senta che state lavorando con loro, e che non li stiate sfruttando come
+discarica per le vostre aggiunte.  In ogni caso, non inviate 50 email nello
+stesso momento in una lista di discussione, il più delle volte la vostra serie
+di modifiche dovrebbe essere più piccola.
+
+I motivi per i quali dovreste frammentare le cose sono i seguenti:
+
+1) Piccole modifiche aumentano le probabilità che vengano accettate,
+   altrimenti richiederebbe troppo tempo o sforzo nel verificarne
+   la correttezza.  Una modifica di 5 righe può essere accettata da un
+   manutentore con a mala pena una seconda occhiata. Invece, una modifica da
+   500 linee può richiedere ore di rilettura per verificarne la correttezza
+   (il tempo necessario è esponenzialmente proporzionale alla dimensione della
+   modifica, o giù di lì)
+
+   Piccole modifiche sono inoltre molto facili da debuggare quando qualcosa
+   non va. È molto più facile annullare le modifiche una per una che
+   dissezionare una patch molto grande dopo la sua sottomissione (e rompere
+   qualcosa).
+
+2) È importante non solo inviare piccole modifiche, ma anche riscriverle e
+   semplificarle (o più semplicemente ordinarle) prima di sottoporle.
+
+Qui un'analogia dello sviluppatore kernel Al Viro:
+
+	*"Pensate ad un insegnante di matematica che corregge il compito
+	di uno studente (di matematica). L'insegnante non vuole vedere le
+	prove e gli errori commessi dallo studente prima che arrivi alla
+	soluzione. Vuole vedere la risposta più pulita ed elegante
+	possibile.  Un buono studente lo sa, e non presenterebbe mai le
+	proprie bozze prima prima della soluzione finale"*
+
+	*"Lo stesso vale per lo sviluppo del kernel. I manutentori ed i
+	revisori non vogliono vedere il procedimento che sta dietro al
+	problema che uno sta risolvendo. Vogliono vedere una soluzione
+	semplice ed elegante."*
+
+Può essere una vera sfida il saper mantenere l'equilibrio fra una presentazione
+elegante della vostra soluzione, lavorare insieme ad una comunità e dibattere
+su un lavoro incompleto.  Pertanto è bene entrare presto nel processo di
+revisione per migliorare il vostro lavoro, ma anche per riuscire a tenere le
+vostre modifiche in pezzettini che potrebbero essere già accettate, nonostante
+la vostra intera attività non lo sia ancora.
+
+In fine, rendetevi conto che non è accettabile inviare delle modifiche
+incomplete con la promessa che saranno "sistemate dopo".
+
+
+Giustificare le vostre modifiche
+--------------------------------
+
+Insieme alla frammentazione delle vostre modifiche, è altrettanto importante
+permettere alla comunità Linux di capire perché dovrebbero accettarle.
+Nuove funzionalità devono essere motivate come necessarie ed utili.
+
+
+Documentare le vostre modifiche
+-------------------------------
+
+Quando inviate le vostre modifiche, fate particolare attenzione a quello che
+scrivete nella vostra email.  Questa diventerà il *ChangeLog* per la modifica,
+e sarà visibile a tutti per sempre.  Dovrebbe descrivere la modifica nella sua
+interezza, contenendo:
+
+ - perchè la modifica è necessaria
+ - l'approccio d'insieme alla patch
+ - dettagli supplementari
+ - risultati dei test
+
+Per maggiori dettagli su come tutto ciò dovrebbe apparire, riferitevi alla
+sezione ChangeLog del documento:
+
+ "The Perfect Patch"
+      http://www.ozlabs.org/~akpm/stuff/tpp.txt
+
+A volte tutto questo è difficile da realizzare. Il perfezionamento di queste
+pratiche può richiedere anni (eventualmente). È un processo continuo di
+miglioramento che richiede molta pazienza e determinazione. Ma non mollate,
+si può fare. Molti lo hanno fatto prima, ed ognuno ha dovuto iniziare dove
+siete voi ora.
+
+
+
+
+----------
+
+Grazie a Paolo Ciarrocchi che ha permesso che la sezione "Development Process"
+(https://lwn.net/Articles/94386/) fosse basata sui testi da lui scritti, ed a
+Randy Dunlap e Gerrit Huizenga per la lista di cose che dovreste e non
+dovreste dire. Grazie anche a Pat Mochel, Hanna Linder, Randy Dunlap,
+Kay Sievers, Vojtech Pavlik, Jan Kara, Josh Boyer, Kees Cook, Andrew Morton,
+Andi Kleen, Vadim Lobanov, Jesper Juhl, Adrian Bunk, Keri Harris, Frans Pop,
+David A. Wheeler, Junio Hamano, Michael Kerrisk, e Alex Shepard per le
+loro revisioni, commenti e contributi.  Senza il loro aiuto, questo documento
+non sarebbe stato possibile.
+
+Manutentore: Greg Kroah-Hartman <greg@kroah.com>
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/index.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/index.rst
new file mode 100644
index 000000000000..2eda85d5cd1e
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/index.rst
@@ -0,0 +1,67 @@
+.. raw:: latex
+
+	\renewcommand\thesection*
+	\renewcommand\thesubsection*
+
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/index.rst <process_index>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
+
+.. _it_process_index:
+
+Lavorare con la comunità di sviluppo del kernel
+===============================================
+
+Quindi volete diventare sviluppatori del kernel?  Benvenuti! C'è molto da
+imparare sul lato tecnico del kernel, ma è anche importante capire come
+funziona la nostra comunità.  Leggere questi documenti renderà più facile
+l'accettazione delle vostre modifiche con il minimo sforzo.
+
+Di seguito le guide che ogni sviluppatore dovrebbe leggere.
+
+.. toctree::
+   :maxdepth: 1
+
+   howto
+   code-of-conduct
+   development-process
+   submitting-patches
+   coding-style
+   maintainer-pgp-guide
+   email-clients
+   kernel-enforcement-statement
+   kernel-driver-statement
+
+Poi ci sono altre guide sulla comunità che sono di interesse per molti
+degli sviluppatori:
+
+.. toctree::
+   :maxdepth: 1
+
+   changes
+   submitting-drivers
+   stable-api-nonsense
+   management-style
+   stable-kernel-rules
+   submit-checklist
+   kernel-docs
+
+Ed infine, qui ci sono alcune guide più tecniche che son state messe qua solo
+perché non si è trovato un posto migliore.
+
+.. toctree::
+   :maxdepth: 1
+
+   applying-patches
+   adding-syscalls
+   magic-number
+   volatile-considered-harmful
+   clang-format
+
+.. only::  subproject and html
+
+   Indices
+   =======
+
+   * :ref:`genindex`
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-docs.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-docs.rst
new file mode 100644
index 000000000000..7bd70d661737
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-docs.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/kernel-docs.rst <kernel_docs>`
+
+
+.. _it_kernel_docs:
+
+Indice di documenti per le persone interessate a capire e/o scrivere per il kernel Linux
+========================================================================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-driver-statement.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-driver-statement.rst
new file mode 100644
index 000000000000..f016a75a9d6e
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-driver-statement.rst
@@ -0,0 +1,211 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/kernel-driver-statement.rst <process_statement_driver>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
+
+.. _it_process_statement_driver:
+
+Dichiarazioni sui driver per il kernel
+======================================
+
+Presa di posizione sui moduli per il kernel Linux
+-------------------------------------------------
+
+Noi, i sottoscritti sviluppatori del kernel, consideriamo pericoloso
+o indesiderato qualsiasi modulo o driver per il kernel Linux di tipo
+*a sorgenti chiusi* (*closed-source*). Ripetutamente, li abbiamo
+trovati deleteri per gli utenti Linux, le aziende, ed in generale
+l'ecosistema Linux. Questi moduli impediscono l'apertura, la stabilità,
+la flessibilità, e la manutenibilità del modello di sviluppo di Linux
+e impediscono ai loro utenti di beneficiare dell'esperienza dalla
+comunità Linux. I fornitori che distribuiscono codice a sorgenti chiusi
+obbligano i propri utenti a rinunciare ai principali vantaggi di Linux
+o a cercarsi nuovi fornitori.
+Perciò, al fine di sfruttare i vantaggi che codice aperto ha da offrire,
+come l'abbattimento dei costi e un supporto condiviso, spingiamo i
+fornitori ad adottare una politica di supporto ai loro clienti Linux
+che preveda il rilascio dei sorgenti per il kernel.
+
+Parliamo solo per noi stessi, e non per una qualsiasi azienda per la
+quale lavoriamo oggi, o abbiamo lavorato in passato, o lavoreremo in
+futuro.
+
+
+ - Dave Airlie
+ - Nick Andrew
+ - Jens Axboe
+ - Ralf Baechle
+ - Felipe Balbi
+ - Ohad Ben-Cohen
+ - Muli Ben-Yehuda
+ - Jiri Benc
+ - Arnd Bergmann
+ - Thomas Bogendoerfer
+ - Vitaly Bordug
+ - James Bottomley
+ - Josh Boyer
+ - Neil Brown
+ - Mark Brown
+ - David Brownell
+ - Michael Buesch
+ - Franck Bui-Huu
+ - Adrian Bunk
+ - François Cami
+ - Ralph Campbell
+ - Luiz Fernando N. Capitulino
+ - Mauro Carvalho Chehab
+ - Denis Cheng
+ - Jonathan Corbet
+ - Glauber Costa
+ - Alan Cox
+ - Magnus Damm
+ - Ahmed S. Darwish
+ - Robert P. J. Day
+ - Hans de Goede
+ - Arnaldo Carvalho de Melo
+ - Helge Deller
+ - Jean Delvare
+ - Mathieu Desnoyers
+ - Sven-Thorsten Dietrich
+ - Alexey Dobriyan
+ - Daniel Drake
+ - Alex Dubov
+ - Randy Dunlap
+ - Michael Ellerman
+ - Pekka Enberg
+ - Jan Engelhardt
+ - Mark Fasheh
+ - J. Bruce Fields
+ - Larry Finger
+ - Jeremy Fitzhardinge
+ - Mike Frysinger
+ - Kumar Gala
+ - Robin Getz
+ - Liam Girdwood
+ - Jan-Benedict Glaw
+ - Thomas Gleixner
+ - Brice Goglin
+ - Cyrill Gorcunov
+ - Andy Gospodarek
+ - Thomas Graf
+ - Krzysztof Halasa
+ - Harvey Harrison
+ - Stephen Hemminger
+ - Michael Hennerich
+ - Tejun Heo
+ - Benjamin Herrenschmidt
+ - Kristian Høgsberg
+ - Henrique de Moraes Holschuh
+ - Marcel Holtmann
+ - Mike Isely
+ - Takashi Iwai
+ - Olof Johansson
+ - Dave Jones
+ - Jesper Juhl
+ - Matthias Kaehlcke
+ - Kenji Kaneshige
+ - Jan Kara
+ - Jeremy Kerr
+ - Russell King
+ - Olaf Kirch
+ - Roel Kluin
+ - Hans-Jürgen Koch
+ - Auke Kok
+ - Peter Korsgaard
+ - Jiri Kosina
+ - Aaro Koskinen
+ - Mariusz Kozlowski
+ - Greg Kroah-Hartman
+ - Michael Krufky
+ - Aneesh Kumar
+ - Clemens Ladisch
+ - Christoph Lameter
+ - Gunnar Larisch
+ - Anders Larsen
+ - Grant Likely
+ - John W. Linville
+ - Yinghai Lu
+ - Tony Luck
+ - Pavel Machek
+ - Matt Mackall
+ - Paul Mackerras
+ - Roland McGrath
+ - Patrick McHardy
+ - Kyle McMartin
+ - Paul Menage
+ - Thierry Merle
+ - Eric Miao
+ - Akinobu Mita
+ - Ingo Molnar
+ - James Morris
+ - Andrew Morton
+ - Paul Mundt
+ - Oleg Nesterov
+ - Luca Olivetti
+ - S.Çağlar Onur
+ - Pierre Ossman
+ - Keith Owens
+ - Venkatesh Pallipadi
+ - Nick Piggin
+ - Nicolas Pitre
+ - Evgeniy Polyakov
+ - Richard Purdie
+ - Mike Rapoport
+ - Sam Ravnborg
+ - Gerrit Renker
+ - Stefan Richter
+ - David Rientjes
+ - Luis R. Rodriguez
+ - Stefan Roese
+ - Francois Romieu
+ - Rami Rosen
+ - Stephen Rothwell
+ - Maciej W. Rozycki
+ - Mark Salyzyn
+ - Yoshinori Sato
+ - Deepak Saxena
+ - Holger Schurig
+ - Amit Shah
+ - Yoshihiro Shimoda
+ - Sergei Shtylyov
+ - Kay Sievers
+ - Sebastian Siewior
+ - Rik Snel
+ - Jes Sorensen
+ - Alexey Starikovskiy
+ - Alan Stern
+ - Timur Tabi
+ - Hirokazu Takata
+ - Eliezer Tamir
+ - Eugene Teo
+ - Doug Thompson
+ - FUJITA Tomonori
+ - Dmitry Torokhov
+ - Marcelo Tosatti
+ - Steven Toth
+ - Theodore Tso
+ - Matthias Urlichs
+ - Geert Uytterhoeven
+ - Arjan van de Ven
+ - Ivo van Doorn
+ - Rik van Riel
+ - Wim Van Sebroeck
+ - Hans Verkuil
+ - Horst H. von Brand
+ - Dmitri Vorobiev
+ - Anton Vorontsov
+ - Daniel Walker
+ - Johannes Weiner
+ - Harald Welte
+ - Matthew Wilcox
+ - Dan J. Williams
+ - Darrick J. Wong
+ - David Woodhouse
+ - Chris Wright
+ - Bryan Wu
+ - Rafael J. Wysocki
+ - Herbert Xu
+ - Vlad Yasevich
+ - Peter Zijlstra
+ - Bartlomiej Zolnierkiewicz
+
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-enforcement-statement.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-enforcement-statement.rst
new file mode 100644
index 000000000000..4ddf5a35b270
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/kernel-enforcement-statement.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/kernel-enforcement-statement.rst <process_statement_kernel>`
+
+
+.. _it_process_statement_kernel:
+
+Applicazione della licenza sul kernel Linux
+===========================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/magic-number.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/magic-number.rst
new file mode 100644
index 000000000000..5281d53e57ee
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/magic-number.rst
@@ -0,0 +1,170 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/magic-numbers.rst <magicnumbers>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
+
+.. _it_magicnumbers:
+
+I numeri magici di Linux
+========================
+
+Questo documento è un registro dei numeri magici in uso.  Quando
+aggiungete un numero magico ad una struttura, dovreste aggiungerlo anche
+a questo documento; la cosa migliore è che tutti i numeri magici usati
+dalle varie strutture siano unici.
+
+È **davvero** un'ottima idea proteggere le strutture dati del kernel con
+dei numeri magici.  Questo vi permette in fase d'esecuzione di (a) verificare
+se una struttura è stata malmenata, o (b) avete passato a una procedura la
+struttura errata.  Quest'ultimo è molto utile - particolarmente quando si passa
+una struttura dati tramite un puntatore void \*.  Il codice tty, per esempio,
+effettua questa operazione con regolarità passando avanti e indietro le
+strutture specifiche per driver e discipline.
+
+Per utilizzare un numero magico, dovete dichiararlo all'inizio della struttura
+dati, come di seguito::
+
+	struct tty_ldisc {
+		int	magic;
+		...
+	};
+
+Per favore, seguite questa direttiva quando aggiungerete migliorie al kernel!
+Mi ha risparmiato un numero illimitato di ore di debug, specialmente nei casi
+più ostici dove si è andati oltre la dimensione di un vettore e la struttura
+dati che lo seguiva in memoria è stata sovrascritta.  Seguendo questa
+direttiva, questi casi vengono identificati velocemente e in sicurezza.
+
+Registro dei cambiamenti::
+
+					Theodore Ts'o
+					31 Mar 94
+
+  La tabella magica è aggiornata a Linux 2.1.55.
+
+					Michael Chastain
+					<mailto:mec@shout.net>
+					22 Sep 1997
+
+  Ora dovrebbe essere aggiornata a Linux 2.1.112. Dato che
+  siamo in un momento di congelamento delle funzionalità
+  (*feature freeze*) è improbabile che qualcosa cambi prima
+  della versione 2.2.x.  Le righe sono ordinate secondo il
+  campo numero.
+
+					Krzysztof G. Baranowski
+					<mailto: kgb@knm.org.pl>
+					29 Jul 1998
+
+  Aggiornamento della tabella a Linux 2.5.45. Giusti nel congelamento
+  delle funzionalità ma è comunque possibile che qualche nuovo
+  numero magico s'intrufoli prima del kernel 2.6.x.
+
+					Petr Baudis
+					<pasky@ucw.cz>
+					03 Nov 2002
+
+  Aggiornamento della tabella magica a Linux 2.5.74.
+
+					Fabian Frederick
+					<ffrederick@users.sourceforge.net>
+					09 Jul 2003
+
+
+===================== ================ ======================== ==========================================
+Nome magico           Numero           Struttura                File
+===================== ================ ======================== ==========================================
+PG_MAGIC              'P'              pg_{read,write}_hdr      ``include/linux/pg.h``
+CMAGIC                0x0111           user                     ``include/linux/a.out.h``
+MKISS_DRIVER_MAGIC    0x04bf           mkiss_channel            ``drivers/net/mkiss.h``
+HDLC_MAGIC            0x239e           n_hdlc                   ``drivers/char/n_hdlc.c``
+APM_BIOS_MAGIC        0x4101           apm_user                 ``arch/x86/kernel/apm_32.c``
+CYCLADES_MAGIC        0x4359           cyclades_port            ``include/linux/cyclades.h``
+DB_MAGIC              0x4442           fc_info                  ``drivers/net/iph5526_novram.c``
+DL_MAGIC              0x444d           fc_info                  ``drivers/net/iph5526_novram.c``
+FASYNC_MAGIC          0x4601           fasync_struct            ``include/linux/fs.h``
+FF_MAGIC              0x4646           fc_info                  ``drivers/net/iph5526_novram.c``
+ISICOM_MAGIC          0x4d54           isi_port                 ``include/linux/isicom.h``
+PTY_MAGIC             0x5001                                    ``drivers/char/pty.c``
+PPP_MAGIC             0x5002           ppp                      ``include/linux/if_pppvar.h``
+SERIAL_MAGIC          0x5301           async_struct             ``include/linux/serial.h``
+SSTATE_MAGIC          0x5302           serial_state             ``include/linux/serial.h``
+SLIP_MAGIC            0x5302           slip                     ``drivers/net/slip.h``
+STRIP_MAGIC           0x5303           strip                    ``drivers/net/strip.c``
+X25_ASY_MAGIC         0x5303           x25_asy                  ``drivers/net/x25_asy.h``
+SIXPACK_MAGIC         0x5304           sixpack                  ``drivers/net/hamradio/6pack.h``
+AX25_MAGIC            0x5316           ax_disp                  ``drivers/net/mkiss.h``
+TTY_MAGIC             0x5401           tty_struct               ``include/linux/tty.h``
+MGSL_MAGIC            0x5401           mgsl_info                ``drivers/char/synclink.c``
+TTY_DRIVER_MAGIC      0x5402           tty_driver               ``include/linux/tty_driver.h``
+MGSLPC_MAGIC          0x5402           mgslpc_info              ``drivers/char/pcmcia/synclink_cs.c``
+TTY_LDISC_MAGIC       0x5403           tty_ldisc                ``include/linux/tty_ldisc.h``
+USB_SERIAL_MAGIC      0x6702           usb_serial               ``drivers/usb/serial/usb-serial.h``
+FULL_DUPLEX_MAGIC     0x6969                                    ``drivers/net/ethernet/dec/tulip/de2104x.c``
+USB_BLUETOOTH_MAGIC   0x6d02           usb_bluetooth            ``drivers/usb/class/bluetty.c``
+RFCOMM_TTY_MAGIC      0x6d02                                    ``net/bluetooth/rfcomm/tty.c``
+USB_SERIAL_PORT_MAGIC 0x7301           usb_serial_port          ``drivers/usb/serial/usb-serial.h``
+CG_MAGIC              0x00090255       ufs_cylinder_group       ``include/linux/ufs_fs.h``
+RPORT_MAGIC           0x00525001       r_port                   ``drivers/char/rocket_int.h``
+LSEMAGIC              0x05091998       lse                      ``drivers/fc4/fc.c``
+GDTIOCTL_MAGIC        0x06030f07       gdth_iowr_str            ``drivers/scsi/gdth_ioctl.h``
+RIEBL_MAGIC           0x09051990                                ``drivers/net/atarilance.c``
+NBD_REQUEST_MAGIC     0x12560953       nbd_request              ``include/linux/nbd.h``
+RED_MAGIC2            0x170fc2a5       (any)                    ``mm/slab.c``
+BAYCOM_MAGIC          0x19730510       baycom_state             ``drivers/net/baycom_epp.c``
+ISDN_X25IFACE_MAGIC   0x1e75a2b9       isdn_x25iface_proto_data ``drivers/isdn/isdn_x25iface.h``
+ECP_MAGIC             0x21504345       cdkecpsig                ``include/linux/cdk.h``
+LSOMAGIC              0x27091997       lso                      ``drivers/fc4/fc.c``
+LSMAGIC               0x2a3b4d2a       ls                       ``drivers/fc4/fc.c``
+WANPIPE_MAGIC         0x414C4453       sdla_{dump,exec}         ``include/linux/wanpipe.h``
+CS_CARD_MAGIC         0x43525553       cs_card                  ``sound/oss/cs46xx.c``
+LABELCL_MAGIC         0x4857434c       labelcl_info_s           ``include/asm/ia64/sn/labelcl.h``
+ISDN_ASYNC_MAGIC      0x49344C01       modem_info               ``include/linux/isdn.h``
+CTC_ASYNC_MAGIC       0x49344C01       ctc_tty_info             ``drivers/s390/net/ctctty.c``
+ISDN_NET_MAGIC        0x49344C02       isdn_net_local_s         ``drivers/isdn/i4l/isdn_net_lib.h``
+SAVEKMSG_MAGIC2       0x4B4D5347       savekmsg                 ``arch/*/amiga/config.c``
+CS_STATE_MAGIC        0x4c4f4749       cs_state                 ``sound/oss/cs46xx.c``
+SLAB_C_MAGIC          0x4f17a36d       kmem_cache               ``mm/slab.c``
+COW_MAGIC             0x4f4f4f4d       cow_header_v1            ``arch/um/drivers/ubd_user.c``
+I810_CARD_MAGIC       0x5072696E       i810_card                ``sound/oss/i810_audio.c``
+TRIDENT_CARD_MAGIC    0x5072696E       trident_card             ``sound/oss/trident.c``
+ROUTER_MAGIC          0x524d4157       wan_device               [in ``wanrouter.h`` pre 3.9]
+SAVEKMSG_MAGIC1       0x53415645       savekmsg                 ``arch/*/amiga/config.c``
+GDA_MAGIC             0x58464552       gda                      ``arch/mips/include/asm/sn/gda.h``
+RED_MAGIC1            0x5a2cf071       (any)                    ``mm/slab.c``
+EEPROM_MAGIC_VALUE    0x5ab478d2       lanai_dev                ``drivers/atm/lanai.c``
+HDLCDRV_MAGIC         0x5ac6e778       hdlcdrv_state            ``include/linux/hdlcdrv.h``
+PCXX_MAGIC            0x5c6df104       channel                  ``drivers/char/pcxx.h``
+KV_MAGIC              0x5f4b565f       kernel_vars_s            ``arch/mips/include/asm/sn/klkernvars.h``
+I810_STATE_MAGIC      0x63657373       i810_state               ``sound/oss/i810_audio.c``
+TRIDENT_STATE_MAGIC   0x63657373       trient_state             ``sound/oss/trident.c``
+M3_CARD_MAGIC         0x646e6f50       m3_card                  ``sound/oss/maestro3.c``
+FW_HEADER_MAGIC       0x65726F66       fw_header                ``drivers/atm/fore200e.h``
+SLOT_MAGIC            0x67267321       slot                     ``drivers/hotplug/cpqphp.h``
+SLOT_MAGIC            0x67267322       slot                     ``drivers/hotplug/acpiphp.h``
+LO_MAGIC              0x68797548       nbd_device               ``include/linux/nbd.h``
+OPROFILE_MAGIC        0x6f70726f       super_block              ``drivers/oprofile/oprofilefs.h``
+M3_STATE_MAGIC        0x734d724d       m3_state                 ``sound/oss/maestro3.c``
+VMALLOC_MAGIC         0x87654320       snd_alloc_track          ``sound/core/memory.c``
+KMALLOC_MAGIC         0x87654321       snd_alloc_track          ``sound/core/memory.c``
+PWC_MAGIC             0x89DC10AB       pwc_device               ``drivers/usb/media/pwc.h``
+NBD_REPLY_MAGIC       0x96744668       nbd_reply                ``include/linux/nbd.h``
+ENI155_MAGIC          0xa54b872d       midway_eprom	        ``drivers/atm/eni.h``
+CODA_MAGIC            0xC0DAC0DA       coda_file_info           ``fs/coda/coda_fs_i.h``
+DPMEM_MAGIC           0xc0ffee11       gdt_pci_sram             ``drivers/scsi/gdth.h``
+YAM_MAGIC             0xF10A7654       yam_port                 ``drivers/net/hamradio/yam.c``
+CCB_MAGIC             0xf2691ad2       ccb                      ``drivers/scsi/ncr53c8xx.c``
+QUEUE_MAGIC_FREE      0xf7e1c9a3       queue_entry              ``drivers/scsi/arm/queue.c``
+QUEUE_MAGIC_USED      0xf7e1cc33       queue_entry              ``drivers/scsi/arm/queue.c``
+HTB_CMAGIC            0xFEFAFEF1       htb_class                ``net/sched/sch_htb.c``
+NMI_MAGIC             0x48414d4d455201 nmi_s                    ``arch/mips/include/asm/sn/nmi.h``
+===================== ================ ======================== ==========================================
+
+Da notare che ci sono anche dei numeri magici specifici per driver nel
+*sound memory management*. Consultate ``include/sound/sndmagic.h`` per una
+lista completa.  Molti driver audio OSS hanno i loro numeri magici costruiti a
+partire dall'identificativo PCI della scheda audio - nemmeno questi sono
+elencati in questo file.
+
+Il file-system HFS è un altro grande utilizzatore di numeri magici - potete
+trovarli qui ``fs/hfs/hfs.h``.
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/maintainer-pgp-guide.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/maintainer-pgp-guide.rst
new file mode 100644
index 000000000000..24a133f0a51d
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/maintainer-pgp-guide.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/maintainer-pgp-guide.rst <pgpguide>`
+
+.. _it_pgpguide:
+
+========================================
+Guida a PGP per i manutentori del kernel
+========================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/management-style.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/management-style.rst
new file mode 100644
index 000000000000..07e68bfb8402
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/management-style.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/management-style.rst <managementstyle>`
+
+.. _it_managementstyle:
+
+Tipo di gestione del kernel Linux
+=================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst
new file mode 100644
index 000000000000..d4fa4abf8dd3
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/stable-api-nonsense.rst <stable_api_nonsense>`
+
+
+.. _it_stable_api_nonsense:
+
+L'interfaccia dei driver per il kernel Linux
+============================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/stable-kernel-rules.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/stable-kernel-rules.rst
new file mode 100644
index 000000000000..6fa5ce9c3572
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/stable-kernel-rules.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/stable-kernel-rules.rst <stable_kernel_rules>`
+
+.. _it_stable_kernel_rules:
+
+Tutto quello che volevate sapere sui rilasci -stable di Linux
+==============================================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst
new file mode 100644
index 000000000000..b6b4dd94a660
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/submit-checklist.rst <submitchecklist>`
+
+.. _it_submitchecklist:
+
+Lista delle cose da fare per inviare una modifica al kernel Linux
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst
new file mode 100644
index 000000000000..16df950ef808
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst
@@ -0,0 +1,12 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/submitting-drivers.rst <submittingdrivers>`
+
+.. _it_submittingdrivers:
+
+Sottomettere driver per il kernel Linux
+=======================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst
new file mode 100644
index 000000000000..d633775ed556
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst
@@ -0,0 +1,13 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/submitting-patches.rst <submittingpatches>`
+
+
+.. _it_submittingpatches:
+
+Sottomettere modifiche: la guida essenziale per vedere il vostro codice nel kernel
+==================================================================================
+
+.. warning::
+
+    TODO ancora da tradurre
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/volatile-considered-harmful.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/volatile-considered-harmful.rst
new file mode 100644
index 000000000000..efc640cac596
--- /dev/null
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/volatile-considered-harmful.rst
@@ -0,0 +1,134 @@
+.. include:: ../disclaimer-ita.rst
+
+:Original: :ref:`Documentation/process/volatile-considered-harmful.rst <volatile_considered_harmful>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
+
+.. _it_volatile_considered_harmful:
+
+Perché la parola chiave "volatile" non dovrebbe essere usata
+------------------------------------------------------------
+
+Spesso i programmatori C considerano volatili quelle variabili che potrebbero
+essere cambiate al di fuori dal thread di esecuzione corrente; come risultato,
+a volte saranno tentati dall'utilizzare *volatile* nel kernel per le
+strutture dati condivise.  In altre parole, gli è stato insegnato ad usare
+*volatile* come una variabile atomica di facile utilizzo, ma non è così.
+L'uso di *volatile* nel kernel non è quasi mai corretto; questo documento ne
+descrive le ragioni.
+
+Il punto chiave da capire su *volatile* è che il suo scopo è quello di
+sopprimere le ottimizzazioni, che non è quasi mai quello che si vuole.
+Nel kernel si devono proteggere le strutture dati condivise contro accessi
+concorrenti e indesiderati: questa è un'attività completamente diversa.
+Il processo di protezione contro gli accessi concorrenti indesiderati eviterà
+anche la maggior parte dei problemi relativi all'ottimizzazione in modo più
+efficiente.
+
+Come *volatile*, le primitive del kernel che rendono sicuro l'accesso ai dati
+(spinlock, mutex, barriere di sincronizzazione, ecc) sono progettate per
+prevenire le ottimizzazioni indesiderate.  Se vengono usate opportunamente,
+non ci sarà bisogno di utilizzare *volatile*.  Se vi sembra che *volatile* sia
+comunque necessario, ci dev'essere quasi sicuramente un baco da qualche parte.
+In un pezzo di codice kernel scritto a dovere, *volatile* può solo servire a
+rallentare le cose.
+
+Considerate questo tipico blocco di codice kernel::
+
+    spin_lock(&the_lock);
+    do_something_on(&shared_data);
+    do_something_else_with(&shared_data);
+    spin_unlock(&the_lock);
+
+Se tutto il codice seguisse le regole di sincronizzazione, il valore di un
+dato condiviso non potrebbe cambiare inaspettatamente mentre si trattiene un
+lock.  Un qualsiasi altro blocco di codice che vorrà usare quel dato rimarrà
+in attesa del lock.  Gli spinlock agiscono come barriere di sincronizzazione
+- sono stati esplicitamente scritti per agire così - il che significa che gli
+accessi al dato condiviso non saranno ottimizzati.  Quindi il compilatore
+potrebbe pensare di sapere cosa ci sarà nel dato condiviso ma la chiamata
+spin_lock(), che agisce come una barriera di sincronizzazione, gli imporrà di
+dimenticarsi tutto ciò che sapeva su di esso.
+
+Se il dato condiviso fosse stato dichiarato come *volatile*, la
+sincronizzazione rimarrebbe comunque necessaria.  Ma verrà impedito al
+compilatore di ottimizzare gli accessi al dato anche _dentro_ alla sezione
+critica, dove sappiamo che in realtà nessun altro può accedervi.  Mentre si
+trattiene un lock, il dato condiviso non è *volatile*.  Quando si ha a che
+fare con dei dati condivisi, un'opportuna sincronizzazione rende inutile
+l'uso di *volatile* - anzi potenzialmente dannoso.
+
+L'uso di *volatile* fu originalmente pensato per l'accesso ai registri di I/O
+mappati in memoria.  All'interno del kernel, l'accesso ai registri, dovrebbe
+essere protetto dai lock, ma si potrebbe anche desiderare che il compilatore
+non "ottimizzi" l'accesso ai registri all'interno di una sezione critica.
+Ma, all'interno del kernel, l'accesso alla memoria di I/O viene sempre fatto
+attraverso funzioni d'accesso; accedere alla memoria di I/O direttamente
+con i puntatori è sconsigliato e non funziona su tutte le architetture.
+Queste funzioni d'accesso sono scritte per evitare ottimizzazioni indesiderate,
+quindi, di nuovo, *volatile* è inutile.
+
+Un'altra situazione dove qualcuno potrebbe essere tentato dall'uso di
+*volatile*, è nel caso in cui il processore è in un'attesa attiva sul valore
+di una variabile.  Il modo giusto di fare questo tipo di attesa è il seguente::
+
+    while (my_variable != what_i_want)
+        cpu_relax();
+
+La chiamata cpu_relax() può ridurre il consumo di energia del processore
+o cedere il passo ad un processore hyperthreaded gemello; funziona anche come
+una barriera per il compilatore, quindi, ancora una volta, *volatile* non è
+necessario.  Ovviamente, tanto per puntualizzare, le attese attive sono
+generalmente un atto antisociale.
+
+Ci sono comunque alcune rare situazioni dove l'uso di *volatile* nel kernel
+ha senso:
+
+  - Le funzioni d'accesso sopracitate potrebbero usare *volatile* su quelle
+    architetture che supportano l'accesso diretto alla memoria di I/O.
+    In pratica, ogni chiamata ad una funzione d'accesso diventa una piccola
+    sezione critica a se stante, e garantisce che l'accesso avvenga secondo
+    le aspettative del programmatore.
+
+  - I codice *inline assembly* che fa cambiamenti nella memoria, ma che non
+    ha altri effetti espliciti, rischia di essere rimosso da GCC.  Aggiungere
+    la parola chiave *volatile* a questo codice ne previene la rimozione.
+
+  - La variabile jiffies è speciale in quanto assume un valore diverso ogni
+    volta che viene letta ma può essere lette senza alcuna sincronizzazione.
+    Quindi jiffies può essere *volatile*, ma l'aggiunta ad altre variabili di
+    questo è sconsigliata.  Jiffies è considerata uno "stupido retaggio"
+    (parole di Linus) in questo contesto; correggerla non ne varrebbe la pena e
+    causerebbe più problemi.
+
+  - I puntatori a delle strutture dati in una memoria coerente che potrebbe
+    essere modificata da dispositivi di I/O può, a volte, essere legittimamente
+    *volatile*.  Un esempio pratico può essere quello di un adattatore di rete
+    che utilizza un puntatore ad un buffer circolare, questo viene cambiato
+    dall'adattatore per indicare quali descrittori sono stati processati.
+
+Per la maggior parte del codice, nessuna delle giustificazioni sopracitate può
+essere considerata.  Di conseguenza, l'uso di *volatile* è probabile che venga
+visto come un baco e porterà a verifiche aggiuntive.  Gli sviluppatori tentati
+dall'uso di *volatile* dovrebbero fermarsi e pensare a cosa vogliono davvero
+ottenere.
+
+Le modifiche che rimuovono variabili *volatile* sono generalmente ben accette
+- purché accompagnate da una giustificazione che dimostri che i problemi di
+concorrenza siano stati opportunamente considerati.
+
+Riferimenti
+===========
+
+[1] http://lwn.net/Articles/233481/
+
+[2] http://lwn.net/Articles/233482/
+
+Crediti
+=======
+
+Impulso e ricerca originale di Randy Dunlap
+
+Scritto da Jonathan Corbet
+
+Migliorato dai commenti di Satyam Sharma, Johannes Stezenbach, Jesper
+Juhl, Heikki Orsila, H. Peter Anvin, Philipp Hahn, e Stefan Richter.
-- 
2.19.1



^ permalink raw reply	[flat|nested] 6+ messages in thread

* [PATCH 2/3] doc:it_IT: fix locking.rst section title
  2018-11-08 23:24 [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Federico Vaga
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH V3 1/3] doc:it_IT: add some process/* translations Federico Vaga
@ 2018-11-08 23:24 ` Federico Vaga
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH 3/3] doc:it_IT:doc-guide: fix reference to foobar Federico Vaga
  2018-11-20 16:16 ` [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Jonathan Corbet
  3 siblings, 0 replies; 6+ messages in thread
From: Federico Vaga @ 2018-11-08 23:24 UTC (permalink / raw)
  To: Jonathan Corbet
  Cc: Alessia Mantegazza, linux-doc, linux-kernel, Federico Vaga

This title was still in English. I just translated it

Signed-off-by: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
---
 Documentation/translations/it_IT/kernel-hacking/locking.rst | 4 ++--
 1 file changed, 2 insertions(+), 2 deletions(-)

diff --git a/Documentation/translations/it_IT/kernel-hacking/locking.rst b/Documentation/translations/it_IT/kernel-hacking/locking.rst
index 753643622c23..0ef31666663b 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/kernel-hacking/locking.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/kernel-hacking/locking.rst
@@ -593,8 +593,8 @@ l'opzione ``GFP_KERNEL`` che è permessa solo in contesto utente. Ho supposto
 che :c:func:`cache_add()` venga chiamata dal contesto utente, altrimenti
 questa opzione deve diventare un parametro di :c:func:`cache_add()`.
 
-Exposing Objects Outside This File
-----------------------------------
+Esporre gli oggetti al di fuori del file
+----------------------------------------
 
 Se i vostri oggetti contengono più informazioni, potrebbe non essere
 sufficiente copiare i dati avanti e indietro: per esempio, altre parti del
-- 
2.19.1


^ permalink raw reply	[flat|nested] 6+ messages in thread

* [PATCH 3/3] doc:it_IT:doc-guide: fix reference to foobar
  2018-11-08 23:24 [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Federico Vaga
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH V3 1/3] doc:it_IT: add some process/* translations Federico Vaga
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH 2/3] doc:it_IT: fix locking.rst section title Federico Vaga
@ 2018-11-08 23:24 ` Federico Vaga
  2018-11-20 16:16 ` [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Jonathan Corbet
  3 siblings, 0 replies; 6+ messages in thread
From: Federico Vaga @ 2018-11-08 23:24 UTC (permalink / raw)
  To: Jonathan Corbet
  Cc: Alessia Mantegazza, linux-doc, linux-kernel, Federico Vaga

Replicate the following patch into italian translation

1bb37a35671c  doc-guide:kernel-doc.rst: Reference to foobar

Signed-off-by: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
---
 Documentation/translations/it_IT/doc-guide/kernel-doc.rst | 2 +-
 1 file changed, 1 insertion(+), 1 deletion(-)

diff --git a/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/kernel-doc.rst b/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/kernel-doc.rst
index 2bf1c1e2f394..a4ecd8f27631 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/kernel-doc.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/kernel-doc.rst
@@ -107,7 +107,7 @@ macro simil-funzioni è il seguente::
    * Context: Describes whether the function can sleep, what locks it takes,
    *          releases, or expects to be held. It can extend over multiple
    *          lines.
-   * Return: Describe the return value of foobar.
+   * Return: Describe the return value of function_name.
    *
    * The return value description can also have multiple paragraphs, and should
    * be placed at the end of the comment block.
-- 
2.19.1


^ permalink raw reply	[flat|nested] 6+ messages in thread

* Re: [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation
  2018-11-08 23:24 [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Federico Vaga
                   ` (2 preceding siblings ...)
  2018-11-08 23:24 ` [PATCH 3/3] doc:it_IT:doc-guide: fix reference to foobar Federico Vaga
@ 2018-11-20 16:16 ` Jonathan Corbet
  2018-11-21  0:24   ` Federico Vaga
  3 siblings, 1 reply; 6+ messages in thread
From: Jonathan Corbet @ 2018-11-20 16:16 UTC (permalink / raw)
  To: Federico Vaga; +Cc: Alessia Mantegazza, linux-doc, linux-kernel

On Fri,  9 Nov 2018 00:24:14 +0100
Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it> wrote:

> In this small patch set there is the V3 of
> "doc:it_IT: add some process/* translations" in which I fixed
> the recent conflicts in docs-next.
> I took the occasion to add other two simple patches that fix:
> - a missing translation in locking.rst
> - apply a patch from the official documentation to the italian one

OK, I have applied the set, apologies for taking so long.

I do have one request: there are an awful lot of entries that simply say
"ancora da tradurre" in here; those are not going to bring much joy to
your readers.  Can I ask that you try to reduce those in number, either by
doing the work or concluding that it won't happen and just removing them?
No timelines or anything - I'd just be happy to see the work go in that
direction.

Thanks,

jon

^ permalink raw reply	[flat|nested] 6+ messages in thread

* Re: [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation
  2018-11-20 16:16 ` [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Jonathan Corbet
@ 2018-11-21  0:24   ` Federico Vaga
  0 siblings, 0 replies; 6+ messages in thread
From: Federico Vaga @ 2018-11-21  0:24 UTC (permalink / raw)
  To: Jonathan Corbet; +Cc: Alessia Mantegazza, linux-doc, linux-kernel

On Tuesday, November 20, 2018 5:16:10 PM CET Jonathan Corbet wrote:
> On Fri,  9 Nov 2018 00:24:14 +0100
> 
> Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it> wrote:
> > In this small patch set there is the V3 of
> > "doc:it_IT: add some process/* translations" in which I fixed
> > the recent conflicts in docs-next.
> > I took the occasion to add other two simple patches that fix:
> > - a missing translation in locking.rst
> > - apply a patch from the official documentation to the italian one
> 
> OK, I have applied the set, apologies for taking so long.
> 
> I do have one request: there are an awful lot of entries that simply say
> "ancora da tradurre" in here; those are not going to bring much joy to
> your readers.  
> Can I ask that you try to reduce those in number, either by
> doing the work or concluding that it won't happen and just removing them?

If you refer to the empty documents, the idea is to keep all links working (as 
discussed a while ago). It will not change much if I remove them but I still 
say "see document XYZ"; at the end the document is not there or it says 
"translate me", in both cases the reader is not happy.  So, I would like to 
keep them anyway to simplify the job.

If you are refering to those I added in index files as place holders: yes I 
can remove them.

> No timelines or anything - I'd just be happy to see the work go in that
> direction.
> 
> Thanks,
> 
> jon





^ permalink raw reply	[flat|nested] 6+ messages in thread

end of thread, other threads:[~2018-11-21  0:24 UTC | newest]

Thread overview: 6+ messages (download: mbox.gz / follow: Atom feed)
-- links below jump to the message on this page --
2018-11-08 23:24 [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Federico Vaga
2018-11-08 23:24 ` [PATCH V3 1/3] doc:it_IT: add some process/* translations Federico Vaga
2018-11-08 23:24 ` [PATCH 2/3] doc:it_IT: fix locking.rst section title Federico Vaga
2018-11-08 23:24 ` [PATCH 3/3] doc:it_IT:doc-guide: fix reference to foobar Federico Vaga
2018-11-20 16:16 ` [PATCH 0/3] doc:it_IT: update italian documentation Jonathan Corbet
2018-11-21  0:24   ` Federico Vaga

This is a public inbox, see mirroring instructions
for how to clone and mirror all data and code used for this inbox;
as well as URLs for NNTP newsgroup(s).